I nuovi schiavisti trafficano in esseri umani al confine tra Sudan e Libia

0
33
migranti a lampedusa
migranti

I nuovi schiavisti operano a cavallo dei confini tra Sudan e Libia. E’ quello il canale lungo il quale si sviluppa la tratta di esseri umani che alimenta gli scafisti. A rivelarlo alla trasmissione Voci del mattino, Radio1 Rai, Francesco Paolo Giordano, Procuratore Capo di Siracusa.

“Sulla base delle informazioni in nostro possesso, che condividiamo tempestivamente con la Direzione distrettuale antimafia, possiamo parlare di tratta di esseri umani tra il Sudan e la Libia. Ma per stroncare l’organizzazione, per arrestare i responsabili, avremmo bisogno di una rogatoria internazionale resa impossibile dalla fase geopolitica indecifrabile attraversata dalla Libia”- ha detto il magistrato.

“Abbiamo fermato un gambiano e un ivoriano, indicati come trafficanti da tre migranti eritrei. Questi hanno raccontato di essere stati condotti in Sudan, dove hanno dovuto lavorare per pagare l’equivalente di 4.500 dollari americani, cifra loro richiesta per poter raggiungere la Libia. Arrivati in Libia, – ha spiegato ancora Giordano –  erano stati segregati in un magazzino, trattati in modo inumano e costretti a pagare una ulteriore somma di denaro. Solo a quel punto erano stati portati a Tripoli, per imbarcarsi su un gommone fatiscente che è stato poi soccorso in mare e trainato nel porto di Augusta. Solo quel giorno vennero soccorsi 147 migranti. Se ipotizziamo che ciascuno di loro abbia pagato quelle cifre, abbiamo un’idea del giro di soldi che ruota intorno al fenomeno. Sono cifre da capogiro – ha osservato il magistrato – a maggior ragione adesso che gli arrivi di migranti si stanno intensificando. Purtroppo noi, come Procura, ci possiamo occupare di un segmento minimo della filiera criminale, cioè degli scafisti, di coloro che gestiscono il traffico delle imbarcazioni sino a ridosso delle coste siciliane. Ma per colpire e stroncare il cuore dell’organizzazione – lo ripeto – avremmo bisogno della cooperazione internazionale. In ogni caso – ha concluso il procuratore capo Giordano – stiamo acquisendo molte informazioni che speriamo ci possano essere utili in futuro”.