Palermo: identificato il cadavere carbonizzato ritrovato a Villabate

0
39
SONY DSC

Palermo: identificato il cadavere carbonizzato ritrovato nel pomeriggio di mercoledì nelle campagne tra Villabate e Ciaculli. Il corpo è quello di Antonino Mannino, 35 anni, residente a Villabate. L’uomo con precedenti penali per spaccio di droga, era stato arrestato dai carabinieri nel dicembre 2009, nell’ambito dell’inchiesta “Triade”, condotta dai carabinieri di Bagheria,  che aveva ricostruito un traffico di stupefacenti in provincia e che si era conclusa con altre 67 persone in manette.

Da subito i Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Misilmeri hanno avviato le attività finalizzate ad identificare il cadavere e a comprendere la dinamica della morte. Mannino si sarebbe allontanato da casa la notte dell’1 novembre facendo perdere le tracce. Il suo corpo è stato ritrovato divorato dalle fiamme nel giorno dei Defunti, in via B.C. 25, a Belmonte Chiavelli, periferia est di Palermo, nei pressi di Villabate, dai carabinieri della locale stazione, dentro un furgone Fiat Fiorino, in un fondo agricolo.

Adesso si aspetta un responso definitivo dagli accertamenti in corso e dall’autopsia, disposta dai sostituti Claudia Bevilacqua e Sergio Demontis, che sarà eseguita venerdì nell’istituto di Medicina legale del Policlinico. Proseguono, intanto, le indagini per accertare la dinamica del decesso: al momento non si esclude nessuna ipotesi, dal suicidio all’omicidio. Negli ultimi tempi pare che Mannino soffrisse di crisi depressive.