Partito Socialista e Sicilia Futura, il patto “battezzato” da Riccardo Nencini

0
47

Partito Socialista Italiano e Sicilia Futura dell’ex ministro Totò Cardinale stringono un patto federativo e cammineranno assieme. Almeno in vista del referendum, ma è scontato che si tratta di un accordo che guarda alle prossime elezioni regionali in Sicilia del 2017. Per “battezzare” l’alleanza è arrivato sabato a Castelvetrano, in provincia di Trapani, anche il segretario nazionale del Partito Socialista, Riccardo Nencini.

L’intesa ufficializzata si basa prima di ogni altra cosa sul Sì al referendum costituzionale del 4 dicembre, così come ha sottolineato il vice ministro alle Infrastrutture Riccardo Nencini. L’esponente del governo Renzi ha anche illustrato gli interventi infrastrutturali previsti in Sicilia attraverso provvedimenti del Consiglio dei ministri e il Patto per il Sud.

“L’effetto immediato dell’accordo tra Psi e Sicilia Futura – dice il deputato regionale Nino Oddo – sarà il patto federativo tra i due gruppi parlamentari all’Ars, ma il traguardo finale sarà la costruzione della seconda gamba del centrosinistra siciliano alle elezioni regionali del 2017”.

Alla manifestazione di Castelvetrano sono intervenuti anche Totò Cardinale, Giovanni Di Giacinto, capo gruppo del Psi all’Ars, il segretario regionale del Psi Giovanni palillo, il presidente nazionale del Psi Carlo Vizzini, il segretario provinciale di Trapani del Pd, Marco Campagna, e i sindaci di Partanna, Calatafimi e Campobello di Mazara. Nencini ha successivamente inaugurato la sezione del Psi di Partanna intitolata ai socialisti Petralia e Calissene.