Rosario Basile, chiesto risarcimento da 300 mila euro

0
34
Rosario Basile
rosario basile

Conto salato per l’ex presidente di Ksm Rosario Basile. L’ex amante e dipendente del patron dell’azienda di sicurezza privata finito sotto inchiesta per minacce e violenza privata nei confronti della donna, pretende 300 mila euro e il riconoscimento del figlio avuto dalla relazione.

Valentina Giunta, persona offesa nell’indagine penale, considera la somma il prezzo della transazione per chiudere il procedimento civile per l’attestazione di paternità e quello intrapreso davanti al giudice del lavoro in seguito al licenziamento subito dopo la gravidanza. La vicenda parte a settembre scorso quando l’uomo va ai domiciliari dopo la denuncia dell’ex amante.

Secondo la Giunta, l’uomo d’affari palermitano avrebbe organizzato un piano per non riconoscere il bimbo nato dalla loro storia e l’avrebbe anche licenziata. La donna, oltre alle vie penali, però, chiede a Basile 300 mila euro per chiudere il processo civile e quello di lavoro. Il giudice del lavoro nei giorni scorsi ha proposto un accordo alle parti che prevede il versamento di 14-15 mensilità alla ricorrente.

L’ex patron della Ksm si è detto disponibile, ma l’avvocato della donna ha mandato una lettera ai legali di Basile ritenendo congrua la cifra di “centomila euro per 24-25 stipendi, risarcimento per il danno, le vessazioni e lo screditamento pubblico. Considerando che potrebbe essere interesse della società porre fine alla vicenda anche a mezzo silenzio stampa da parte della lavoratrice”. Una proposta che per il legale di Basile, Nino Caleca, è da rigettare.

Nel procedimento civile per il riconoscimento del figlio, invece, la donna ha chiesto duecentomila euro a titolo di danni morali più il riconoscimento del bambino. Intanto, il gip – sostenendo l’affievolimento delle esigenze cautelari – ha disposto per Basile il divieto di dimora a Palermo sostituendo così la misura dell’obbligo di dimora a Milano.