Tre scosse oltre il V grado in centro Italia, paura e panico anche a Roma

0
38

La terra è tornata a tremare nell’Italia centrale: sono state tre le scosse, con magnitudo sopra 5, avvertite in maniera molto forte in tutta l’Italia centrale nel corso della mattinata, con tante segnalazioni a Roma e paura fino in Sardegna. Per ora il bilancio e’ di qualche crollo, in particolare il campanile della chiesa di Sant’Agostino ad Amatrice, già lesionata dalle precedenti scosse. Non si segnalano danni a persone. L’epicentro e’ stato localizzato nell’aquilano, generato dallo stesso sistema di faglie che si e’ attivato il 24 agosto e che ha colpito pesantemente anche il 30 ottobre.

E’ quanto emerge dalle prime analisi degli esperti al lavoro nella sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica Vulcanologia (Ingv): “E’ lo stesso sistema di faglie attivato il 24 agosto, ma a generare il terremoto di oggi e’ un segmento diverso”, ha detto all’ANSA la sismologa Paola Montone, dell’Ingv. La prima scossa e’ stata avvertita alle 10.25 con magnitudo 5.1; la seconda, la più forte delle tre, e’ avvenuta alle 11.14 con una magnitudo di 5.4; la terza dieci minuti dopo (11.25) di magnitudo 5.3.

Decine le altre scosse registrate dall’Ingv, 3 sopra magnitudo 4, tante sopra magnitudo 3. Per precauzione sono state evacuate molte scuole nelle Marche, in Umbria e in Abruzzo, dove e’ stata fermata per precauzione la circolazione dei treni e sono state avviate verifiche sull’autostrada A24. La situazione e l’attività dei soccorsi sono complicate dal maltempo che ha flagellato con gelo e neve la zona colpita dal sisma, con difficoltà in particolare nella circolazione stradale. E le scosse sono state avvertite in maniera particolarmente forte anche a Roma: anche nelle Capitale è stata decisa la chiusura precauzionale delle scuole e di alcuni uffici, compreso il Consiglio superiore della Magistratura.

Sospese sempre in via precauzionale le visite al Quirinale. “E’ una situazione abbastanza complicata. Stiamo ricevendo i ritorni dal territorio, ovviamente il sisma e’ stato avvertito in maniera chiara su tutta la parte centrale fino alla Capitale. Al termine delle verifiche potremo dire se abbiamo avuto situazioni particolarmente difficili o meno”, ha detto a Skytg24 il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. “In quella zona sta nevicando ormai da diverse ore, in maniera ininterrotta, e continuerà a nevicare ancora per le prossime ore”.