Terrore a Manhattan, bilancio 8 morti e almeno 15 feriti: è un attentato islamico

Secondo alcune fonti l'uomo catturato dalla Polizia avrebbe urlato "Allahu Akbar"

0
103

Terrore a New York. Ci sarebbero, dalle prime confuse notizie che rimbalzano, almeno otto morti ed una quindicina di feriti nell’attentato che che si è consumato a Tribeca, nel sud di Manhattan, a poche centinaia di metri da Ground Zero.

Lo scrive il New York Daily News, citando testimoni. Un uomo ha sparato da un’auto davanti alla Peter Stuyvesant High School. Non si sa al momento se l’episodio è collegato o meno all’incidente sulla pista ciclabile, sempre a Lower Manhattan. Un veicolo, un  è infatti piombato su una pista ciclabile investendo alcune persone. Nell’area erano stati sentiti alcuni colpi di arma da fuoco.

Una persona invece è stata arrestata. La polizia sta anche controllando la pista ciclabile vicino all’autostrada dove è avvenuta la sparatoria per capire se ci sono feriti, anche sempre secondo le prime scarne notizie, parlerebbero di almeno sei-sette persone. Esclusa al momento la matrice terroristica.

Anche la Cnn ha reso noto la notizie che la sparatoria è avvenuta dopo le 15 locali nella zona tra Hudson Street e Chambers Street, a pochi isolati dal World Trade Center. Ad aprire il fuoco un uomo dall’interno di un furgone a noleggio.

Dalle notizie, invece diffuse dal Daily News, si parla di un incidente avvenuto nella parte sud di Manhattan, a New York. Non è ancora chiaro cosa sia successo: diverse fonti parlano di una sparatoria, altri (e ci sono diverse foto) parlano di un furgone che si è schiantato sulla pista ciclabile a fianco della strada, travolgendo diversi ciclisti.

Viene seguito come un caso di terrorismo, riferiscono i media Usa: Un uomo alla guida di un veicolo, un pick-up noleggiato da Home Depot, si è schiantato di  proposito contro un gruppo di ciclisti su una ciclabile lungo l’Hudson per poi finire contro uno scuolabus della Stuyvesant High School nella zona meridionale di Manhattan.

L’uomo fermato dalla polizia, l’autista del camion bianco finito contro la pista ciclabile a New York, avrebbe urlato “Allahu Akbar”. Lo riporta Nbc New York citando alcune fonti. Ed ancora secondo alcune fonti citate da CNN, l’uomo che ha investito e ucciso almeno sette persone si è scontrato volutamente contro uno scuolabus.

Tra le otto vittime identificate anche cinque argentini. Il governo di Buenos Aires li ha identificati in Hernán Mendoza, Diego Angelini, Alejandro Pagnucco, Ariel Erlij e Hernan Ferruchi. I cinque, originari di Rosario ed ex compagni di classe, erano in viaggio negli States per festeggiare 30 anni di amicizia. Con loro c’era anche un sesto connazionale, Martin Marro, rimasto ferito.