Ragusa, fatture false ed evasione fiscale: scoperta truffa da 3mln di euro all’Inps

0
37

Diciotto persone sono state denunciate per reati fiscali e truffa ai danni dell’Inps dalla Guardia di finanza di Ragusa, che ha eseguito un decreto di sequestro per equivalente disposto dal Tribunale su beni immobili, mobili e somme di denaro per un valore complessivo pari a oltre 3 milioni di euro. Venti le aziende coinvolte.

Le indagini, durate oltre un anno, hanno acceso i riflettori su alcune imprese che si occupano di commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli, scoprendo un vero e proprio fenomeno organizzato di emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Le venti aziende, tutte collegate tra loro, erano caratterizzate, spiegano gli investigatori delle Fiamme gialle, da una operatività limitata nel tempo e finalizzata esclusivamente, prima di cessare l’attività, alla copiosa produzione di false fatture.

Quattro in particolare erano società cartiere assolutamente prive di mezzi e di strutture sia logistiche che operative tali da giustificare il rilevantissimo fatturato documentato e le numerose assunzioni di personale. Le aziende intestate a ‘teste di legno’, cioè soggetti prestanome nullatenenti, non erano per nulla attive nella produzione e commercializzazione di prodotti ortofrutticoli, ma dediti solo all’acquisto e alla vendita di carta, cioè di fatture false per favorire l’evasione a terzi soggetti. Gli accertamenti bancari sui conti correnti di riferimento hanno consentito di scoprire come non vi fosse traccia di pagamenti delle fatture di acquisto o di accrediti relativi alle fatture ricevute, tantomeno corresponsione degli stipendi ai lavoratori dipendenti e dichiarati all’Inps. (AdnKronos)