Ballardini: “Voglio alcune certezze oltre ai giovani rosanero”

0
45
L'allenatore rosanero Davide Ballardini
davide ballardini

Ok alla linea verde  tanto cara alla dirigenza, ma Davide Ballardini non vuole fare salti nel buio. Tradotto significa che la rosa del Palermo potrà essere basata sui giovani che hanno giocato lo scorso anno, ma affiancati da calciatori esperti. Soltanto così la squadra potrà disputare, secondo il tecnico, un campionato più tranquillo rispetto al precedente.

Le prime dichiarazioni del presidente Zamparini non devono aver messo di buon umore l’allenatore rosanero. Soprattutto l’inattività sul mercato, con tutti i limiti di budget imposti a Foschi non fa ben sperare. Con i protagonisti della salvezza Sorrentino, Maresca e Gilardino messi praticamente alla porta, al Palermo sono rimasti i più giovani insieme a Vazquez e Lazaar che sono sul mercato.

Ballardini ha fiducia nei giocatori che gli sono stati messi a disposizione per il ritiro di Bad,. Ma sa che parecchie cose sono destinate a cambiare. Difficile quindi lavorare sulla tattica e sull’affiatamento di una squadra che non c’è. “Il gruppo è giovane ma anche molto forte. Tutti hanno capito quanto è difficile la Serie A. Ma servono sei giocatori” – ha precisato il tecnico.

Ieri Ballardini ha incontrato Maurizio Zamparini e ha detto chiaro e tondo cosa serve alla squadra per essere competitiva. “Non si è parlato di giocatori, ma delle caratteristiche che devono avere questi sei ragazzi che speriamo arrivino a completare la rosa” – ha spiegato.  Non è un mistero che il tecnico rosanero vuole avere a sua disposizione giocatori italiani con un minimo di esperienza del nostro campionato.

Il ricordo della stagione scorsa è ancora vivo. Undici giocatori giovani, quasi tutti stranieri che non parlavano nemmeno la stessa lingua, e non solo calcisticamente. “Ci siamo dati una scadenza – ha detto Ballardini  – verso fine mese saremo a buon punto”.

L’allenatore dei rosanero ha escluso che la società possa avventurarsi sul mercato senza concordare con lo staff tecnico le mosse da fare. “Non esiste che si prenda un giocatore se non è condiviso con la guida tecnica – ha avvertito -. Per me i tre attaccanti, o comunque tre giocatori offensivi, sono delle priorità. Questo e’ il mio credo”.

Tra le incognite, quella che più impensierisce riguarda il ruolo di guardapali. Partito Sorrentino l’intenzione della società è quella di affidarsi al giovane croato Josip Posavec. Ballardini ha avallato la scommessa, ma ad una condizione, ovvero che in panchina sieda un elemento esperto pronto in caso di difficoltà. Stesso discorso per tutti gli altri reparti.