Auto e moto rubate, sgominata a Gela banda del “Cavallo di ritorno”: nove arresti

0
71

Utilizzavano il cosiddetto metodo del “cavallo di ritorno” per restituire ai legittimi proprietari, in cambio di denaro, le moto rubate giorni prima. Ma sono stati scoperti e arrestati. E’ finita così in carcere la gang di Gela (Caltanissetta) specializzata in furti, estorsioni e ricettazione.

Sono nove i provvedimenti restrittivi eseguiti all’alba di oggi dagli agenti del commissariato di Gela, su disposizione della Procura nell’ambito dell’inchiesta denominata “Cavallo di ritorno”.

Gli investigatori hanno scoperto un giro di motocicli e ciclomotori che venivano rubati per poi essere assemblati su altri mezzi o restituiti, dietro il pagamento di una somma di denaro, ai legittimi proprietari. Nessuna delle vittime si rivolgeva alle forze di polizia per denunciare il furto, che veniva restituito solo dietro il pagamento di denaro. Per alcuni di loro adesso si profila il reato di favoreggiamento.

I particolari dell’operazione nel corso di una conferenza stampa, che si terrà alle 11 di oggi, nella sala conferenze del Commissariato di Gela, alla presenza del procuratore Fernando Asaro e del vice questore Francesco Marino.