Controlli antiterrorismo a Palermo, migrante siriano in cella

0
34
mazara del vallo

Controlli antiterrorismo, un siriano è stato arrestato dalla Digos di Palermo. La polizia ha fatto scattare le manetta ai polsi di Al  Hasan Ammar, cittadino siriano, classe 1992. L’arresto è avvenuto dopo una serie di verifiche effettuate dagli agenti.

In base a procedure ormai standardizzate, infatti,  lo sbarco a Palermo di migranti soccorsi in acque internazionali coinvolge sia i soggetti che si occupano dell’assistenza sia le forze di polizia chiamate a vigilare che tra i disperati non si nascondano “infiltrati”.

Da più parti, infatti, arrivano allarmi sulla possibilità che all’interno dei flussi migratori possano trovare posto elementi sensibili al richiamo islamista. Soggetti che all’occorrenza possano diventare cellule terroristiche in territorio europeo.

Allo scopo di scovare chi cerchi di raggirare i controlli, la polizia di Stato, già al momento dello sbarco dei migranti, ha predisposto una capillare attività di osservazione e verifica svolta dal personale della sezione “Antiterrorismo” della Digos.

E così in occasione dello sbarco di oltre mille migranti al porto di Palermo di mercoledì scorso, gli agenti della Digos hanno individuato un cittadino siriano, sospettato di essere in possesso di un passaporto falso e di avere declinato false generalità sulla sua identità, all’atto delle procedure di identificazione.

Lo straniero è stato quindi sottoposto a controlli più accurati. Il suo documento ha confermato i sospetti: in particolare, il personale della Scientifica ha accertato la falsità del passaporto siriano esibito, alla luce di alcune difformità ed alterazioni riscontrate in laboratorio. L’uomo è stato tratto in arresto per il reato di possesso di documento falso valido per l’espatrio.