A Messina l’acqua potabile riprende a scorrere dai rubinetti

0
85
Conduttura idrica di Messina

Messina si avvia al superamento dell’emergenza idrica. I rubinetti della città dello Stretto erano a secco da sabato all’alba, a causa di un incendio doloso appiccato alla conduttura di Calatabiano. Dalle 4 di questa mattina, fa sapere l’Amam, l’afflusso di acqua nella rete idrica cittadina è costante e si attesta oltre i 1150 litri al secondo. La distribuzione dell’acqua in città, dicono dal Comune, “dovrebbe essere normalizzata entro 24 ore e nella giornata di oggi è atteso il ripristino integrale di tutte le quattro condotte del bypass”.

Questa mattina, l’erogazione è stata garantita in tutto il centro urbano, da Giampilieri al viale Giostra, compresa la zona della Panoramica e l’abitato di Torre Faro. Qualche sofferenza, sottolinea l’Amam, si registra ancora nella zona di viale Regina Elena e in altre zone disagiate sulle quali “si concentrano gli sforzi dei tecnici dell’azienda nel compiere le opportune manovre sul civico acquedotto per porre rimedio”.

Nel primo pomeriggio, l’erogazione avverrà nelle zone di Ganzirri e di Pace, mentre in serata saranno servite le zone collinari e i villaggi di Castanea e le Masse. Operativo anche oggi il Coc, mentre le strutture sanitarie sono già state rifornite con autobotti.

Dalle 8 alle 20, inoltre, saranno attivi anche oggi i tre punti fissi (Autoparco, ex Gasometro e Amam) di rifornimento per l’acqua. “Nonostante il ripristino della fornitura – afferma il presidente di Amam Leonardo Termini – non possiamo tuttavia considerare finita l’emergenza. Saremo davvero fuori quando potremo contare su un territorio messo in sicurezza, a Calatabiano come a Forza d’Agrò, in ragione degli impegni da tempo assunti nei diversi tavoli interistituzionali, su cui Amam potrà realizzare le tubazioni definitive”.