Sgarbi: “Io candidato a Palermo? E’ una proposta umoristica”

0
29
Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi smentisce la notizia di una sua candidatura a Palermo. Questa mattina il responsabile provinciale di “Noi con Salvini” Francesco Vozza aveva chiaramente detto che il critico d’arte poteva essere la puntata della Lega per il dopo-Orlando, ma Sgarbi declina l’offerta.

“La mia premessa è che non voglio fare più nulla in Sicilia” – ha detto Vittorio Sgarbi all’Adnkronos. “La Sicilia è un luogo pericoloso in cui lo Stato è nemico delle persone – ha spiegato – C’è un’antimafia che agisce sulle persone che non hanno fatto nulla e che è tutta chiacchiere e distintivo. Il primo nemico della Sicilia è lo Stato, è un luogo che va liberato. Partecipare, soprattutto a Palermo con la sua importanza, a questa retorica non mi interessa”.

Sgarbi si dimise dalla carica di sindaco di Salemi nel 2012, dopo che gli ispettori del Viminale proposero lo scioglimento del Comune per infiltrazioni mafiose.

A spingere Sgarbi a rifiutare la proposta sono anche ragioni politiche. “Salvini mi sta anche simpatico – ha precisato – ma non mi sembra che il suo Movimento, in Sicilia, possa essere un punto di appoggio tale da consentire di competere seriamente”.

A Sgarbi, l’idea di candidati della Lega Nord a Palermo “sembra una cosa umoristica. Anche se Salvini non è come Bossi – ha aggiunto – Il suo è un progetto di cui la Sicilia non fa parte, i suoi primi nemici sono gli immigrati”.

Il critico d’arte ha smentito contatti con il leader padano per discutere di una sua candidatura nel Capoluogo, mentre altri lo hanno contattato per chiedergli un suo impegno in Sicilia. “Ma non sono interessato – ha ribadito – indipendentemente da parte di chi arrivi la richiesta. In Sicilia – ha concluso – potrei solo fare il prefetto dimostrando il volto onesto dello Stato. Questi prefetti, come quello di Agrigento e quello di Trapani… in Sicilia si sciolgono i Comuni e ci mettono un commissario per fargli fare carriera. Tutti questi scioglimenti sono una tristezza”.