Mercato rosanero, doppio colpo in entrata a Palermo Diamanti ed Enrique

0
23
Bruno Enrique

Mercato rosanero, due colpi in entrata. Sono ufficialmente del Palermo Alessandro Diamanti e Bruno Enrique (nella foto). Contratto biennale per l’ex giocatore della nazionale azzurra, un quadriennale, invece, per il brasiliano del Coimbra classe ’89. Da registrare in uscita l’approdo a Newcastle di Lazaar.

I nuovi arrivati trovano un ambiente rinfrancato dopo il pareggio di ieri al Meazza. La partita contro l’Inter ha portato il primo punto in classifica e una iniezione di fiducia. Il merito del risultato, diciamolo subito, è per larga parte da attribuire all’impostazione tattica che Ballardini ha dato agli undici che hanno affrontato i nerazzurri. Gioco maschio, la squadra è stata brava a restare corta e e restringere gli spazi di manovra ai talentuosi avversari.

Buona la prova di Posavec, anche se dovrà ancora crescere tanto in personalità. Si percepisce la sua “timidezza” nelle uscite e nel coordinare la difesa. Il reparto arretrato è, ad oggi, quello che da più garanzie. Goldaniga e Andelkovic hanno fatto la loro parte, Vitiello ha esperienza e, nonostante alcune incertezze, è affidabile e Rispoli ha carisma e carattere da vendere. Senza dimenticare che Ballardini può contare sui coriacei Cionek e Raikovic.

Le note dolenti arrivano dalla cintola in su. Grande buona volontà e impegno, ma ai muscoli va aggiunto il fosforo ed è questo quello che fino ad oggi è mancato.  Buona ieri la prova di Quaison e Chocev, onesta quella di Gazzi al quale non si può chiedere di inventare nulla, dinamico ma troppo impreciso Aleesami. Discorso a parte per Hijliemark. Lo svedese ha fisico e tecnica, ma da la sensazione di non essere ancora del tutto maturo per il campionato italiano. In attacco Nestorovski ha lottato su ogni pallone, ma appare macchinoso nei movimenti. Contro le difese italiane sarà dura per lui far breccia.

Balogh merita un plauso per la generosità che gli ha pure procurato una ferita alla testa, per il resto nulla. Da la sensazione di avere difficoltà persino nei fondamentali e nel controllo di palla. Una sorpresa, invece, il giovanissimo Sallai, con i nerazzurri ha mostrato tecnica e sfrontatezza che se saranno coltivati in tranquillità possono fare di lui un grande giocatore.

In attesa di un attaccante che potrebbe essere persino Balotelli, ì rosanero accolgono i due nuovi acquisti. “Sono molto felice, non vedo l’ora di iniziare” ha salutato Alessandro Diamanti  sul sito ufficiale del club siciliano. “Il Barbera da avversario mi ha sempre fatto un bell’effetto. La piazza  bellissima, è molto attaccata alla squadra, ho tanti amici che hanno giocato qua e spero che sarà una bellissima avventura, non vedo l’ora” –  ha concluso Diamanti.

Soddisfatto della nuova scelta anche il brasiliano. “I miei nuovi compagni hanno fatto una bella partita, la squadra è rimasta unita e compatta. Voglio entrare subito nelle idee dell’allenatore e ambientarmi prima possibile nel calcio italiano. Sono molto felice. La trattativa è durata oltre tre settimane ed ero molto ansioso perché avevo tanta voglia di venire a Palermo. Adesso è tutto risolto e sono contento di essere qui. La città è molto bella. Ho avuto poco tempo di visitarla – ha aggiunto Bruno Enrique -, ma per quello che ho visto è una città molto calda”.