Gli ospiti del Malaspina sfornano i “Buonicuore”, i frollini del riscatto

0
93
Biscotti Buonicuore

Biscotti “Buonicuore” per promuovere il riscatto sociale dei giovani detenuti. Sono i frollini realizzati dalla prima impresa del Sud Italia nata all’interno di un istituto penale minorile con l’obiettivo ambizioso di promuovere il riscatto sociale e la conoscenza delle materie prime del territorio attraverso la vendita di un prodotto.

Il progetto si chiama “Cotti in fragranza” ed è promosso dall’istituto penale per i minorenni Malaspina di Palermo, dall’associazione centro studi don Calabria e dalla fondazione San Zeno, con il sostegno dell’associazione nazionale magistrati. Un laboratorio avviato da gennaio e che da un mese produce i biscotti “Buonicuore” ricavati dai mandarini raccolti nei terreni confiscati alla mafia di Ciaculli.

Da oggi i frollini saranno venduti alla caffetteria della Galleria d’arte moderna, dove è stata presentata l’iniziativa. “Dopo l’esperienza del restauro pittorico ad opera di un giovane dell’istituto penale – spiega Antonella Purpura, direttrice Gam – prosegue il percorso in ambito sociale ‘Gam bene comune’. Queste iniziative hanno l’obiettivo di coinvolgere in maniera trasversale tutta la cittadinanza”.

“Cotti in fragranza è una start up – spiega Nadia Lodato, responsabile con Lucia Lauro del progetto – per realizzare questo biscotto sono stati raccolti 700 chilogrammi di mandarini. Riuscire a restare sul mercato è una scommessa ambiziosa. Da oggi, oltre alla caffetteria della Gam, i biscotti sono disponibili allo spaccio Bio in piazza Fonderia e in una decina di altri punti della città, a che saranno resi noti sul sito dove sarà avviata una piattaforma di e-commerce. Tra i punti vendita saranno inclusi anche la Bottega dei sapori e dei saperi di Libera, e il caffè del teatro Massimo. L’obiettivo è arrivare alla grande distribuzione, con cui è in corso una trattativa”.

“A essere coinvolti nel laboratorio sono cinque ragazzi – spiega Michelangelo Capitano, direttore istituto penale minorile di Palermo – la nostra utenza è di circa 30 ragazzi, accogliamo giovani con un’età che va dai 14 ai 25 anni”.