Fincantieri, la Fiom Cgil di Palermo chiede la verità sui bacini

0
20
cantieri navali di palermo

Fincantieri, la Fiom Cgil di Palermo “chiede di conoscere la verità sui bacini dopo che alcune aziende dell’indotto si sarebbero fatte avanti per ottenere l’affidamento del bacino da 19 mila tonnellate”. E’ quanto dichiarano Angela Biondi e Francesco Foti, segretario generale e componente della Fiom Cgil Palermo.

“Apprendiamo – aggiungono – che la Regione Siciliana avrebbe intrapreso con queste aziende una interlocuzione operativa. Pare, infatti, che tecnici della Regione abbiano già incontrato alcuni imprenditori disponibili all’affidamento. Questa notizia ci sorprende soprattutto alla luce di tutto quello che si è detto e fatto in questi anni per i due bacini da 19 e 52 mila tonnellate, dichiarati inagibili. Chiediamo che la Regione Siciliana faccia al più presto chiarezza su tutta la vicenda. Inoltre, visto che i bacini sono stati da sempre affidati dalla Regione (proprietaria delle infrastrutture) a Fincantieri, vorremmo anche sapere se, dietro questa operazione, c’è l’assenso della stessa Fincantieri, perché questo sarebbe in contrasto con quanto dichiarato dall’azienda sul cantiere di Palermo. Questo per noi sarà un punto imprescindibile di discussione all’incontro che il sindaco ci ha preannunciato con l’ad di Fincantieri e la Regione Siciliana”.