Comunali a Palermo, Ferrandelli chiude la porta in faccia a Miccichè

0
28
rottura tra ferrandelli e forza italia

Fabrizio Ferrandelli chiude la porta in faccia a Miccichè. L’ex deputato Pd, leader dei cosiddetti “Coraggiosi” ha presentato il suo programma per la candidatura a sindaco di Palermo. Convitato di pietra della conferenza stampa era il commissario regionale di Forza Italia Gianfranco Miccichè, che a più riprese, l’ultima lo scorso venerdì in occasione della convention con Stefano Parisi, aveva lanciato spericolati endorsement a favore di Ferrandelli.

“A Micciché rispondo prendendo in prestito le parole di Parisi: ‘Dico no alle vecchie alchimie politiche’. La mia candidatura è libera dai partiti e non sono interessato ad accordi di bottega”. Con queste parole l’ex parlamentare renziano ha chiuso il turbinio di illazioni sul possibile appoggio azzurro alla sua candidatura.

“Noi non facciamo accordi nelle stanze delle segreterie dei partiti, ma andremo in strada raccogliendo le istanze che vengono dal basso – ha rincarato la dose Ferrandelli -. Chi vorrà sostenermi dovrà prendere un impegno con i palermitani”. All’appello del leader de I Coraggiosi hanno già risposto in tanti. “Abbiamo chiuso tre liste civiche  ma continuiamo a cercare ‘soci’ tra i cittadini, azionisti di questa grande avventura perché ci sarà bisogno di riqualificare anche il Consiglio comunale”.

Per spiegare la sua visione il candidato dei “Coraggiosi” ha coniato il termine “Palermocrazia”.  “Ascolterò tutti – ha spiegato – perché oggi la democrazia rappresentativa è in profonda crisi, non riesce più a interpretare i bisogni della società e a farsene carico. ‘Palermocrazia’ è un modo nuovo di governare basato su un sistema di assemblee, raccolte di proposte, istanze e votazioni. Un sistema che permette ai cittadini di scegliere”.

A differenza dei competitori pentastellati Ferrandelli non si affiderà al web, ma  agli “esploratori urbani”. Toccherà a loro con i loro smarphone narrare la città, dialogando con i palermitani sulla loro giornata attuale e ideale. “Sarà la voce della città” – ha vagheggiato l’ex piddino. E per diventare un esploratore basterà iscriversi al sito: www.ferrandellisindaco.it.

Il programma partecipativo, realizzato anche grazie al supporto scientifico dell’associazione Team Town Meeting di Bologna, prevede tre step. Innanzitutto “La città racconta”, ossia conversazioni informali che si svolgeranno nei mercati, nei bar, nelle piazze, nelle parrocchie, nelle scuole. L’obiettivo è raccogliere proposte per i quartieri e mobilitare i cittadini nell’ideazione della Palermo del futuro. Al termine di questa fase sarà redatto un report che sarà propedeutico alla seconda fase: “La città propone”. Il secondo step prevede la realizzazione di un grande evento partecipativo per approfondire le tematiche emerse durante gli incontri nei quartieri a livello cittadino. La struttura dell’evento sarà articolata per macro ambiti tematici e i contenuti raccolti saranno resi pubblici in un documento scaricabile dal sito di Ferrandelli. Infine, terza e ultima fase, “La città sceglie”: sarà organizzato un evento deliberativo sulle istanze e le proposte raccolte nel corso dei mesi.