A Palermo la seconda conferenza mondiale sulla dieta mediterranea

0
237
conferenza mondiale

Palermo è stata scelta per ospitare la seconda Conferenza mondiale sulla rivitalizzazione della dieta mediterranea che avrà per tema “Strategie verso sistemi alimentari più sostenibili nella regione mediterranea – la dieta mediterranea come volano per collegare consumi e produzioni in modo sostenibile e sano“.

L’appuntamento è programmato in tre giorni, dal 15 al 17 maggio pv e vedrà la partecipazione e la collaborazione delle maggiori istituzioni nazionali e internazionali come  il ministero degli Affari esteri e la Fao.

La Conferenza si svolge con il patrocinio della Regione Siciliana, del Comune di Palermo, del Ciheam (Centro internazionale di studi agronomici mediterranei avanzati), dell’Unione per il Mediterraneo, della IFMeD (Fondazione internazionale della dieta mediterranea), del ministero degli Affari esteri italiano e della Federazione europea delle società di nutrizione.

L’evento di Palermo è curato dal Forum delle culture del Mediterraneo e dal Ciheam-Bari, e organizzato da Diaita (Società Diaita per gli stili di vita) in collaborazione, tra gli altri, con l’assessorato regionale dell’Agricoltura e della pesca mediterranea, della Salute, dell’Educazione e la formazione, il Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche), l’Enea e il Crea (Consiglio per la ricerca e economia agricola).

La Conferenza, che sarà ospitata in importanti sedi istituzionali e culturali inserite del percorso arabo-normanno patrimonio dell’Unesco e si articolerà in 18 sessioni tematiche come forum aperto di discussione sui quadri concettuali e sugli approcci metodologici più appropriati per migliorare la sostenibilità del consumo e della produzione di cibo nei paesi del Mediterraneo.

Le sessioni tematiche contribuiranno allo sviluppo del documento tecnico di base della Conferenza. Obiettivo dell’appuntamento siciliano sarà quello di lanciare l’Appello di Palermo “Cambio di rotta” per un’azione comune nel Mediterraneo verso sistemi alimentari più sostenibili e la rivitalizzazione della dieta mediterranea.