Agrigento: Corte d’appello di Palermo assolve automobilista che travolse e uccise centauro

0
62

I giudici della Corte di appello di Palermo hanno assolto l’automobilista Calogero Costanza, 50 anni, di Favara, accusato di omicidio colposo e lesioni colpose e condannato in primo grado a un anno di reclusione per la morte del cinquantatreenne Mario Cacicia, riparatore di elettrodomestici molto noto in città, rimasto ucciso in un incidente stradale in sella alla sua moto in cui resto’ gravemente ferita anche la moglie.

I giudici, ai quali si è rivolto il difensore dell’imputato, l’avvocato Salvatore Virgone, hanno cancellato la condanna a un anno di reclusione decisa, il 23 ottobre del 2017, dal gup di Agrigento, Stefano Zammuto.

Lo scontro fra la Fiat Bravo, che proveniva dalla direzione opposta e – secondo l’accusa – a velocità troppo elevata, guidata da Costanza e la moto Honda con in sella Mario Cacicia e la moglie, è avvenuto il 16 settembre del 2015 in contrada Crocca. La vittima procedeva dal Villaggio Mosè in direzione Favara e l’utilitaria dalla direzione opposta. Dopo l’impatto con l’utilitaria la moto andò a battere contro il muro di cinta della strada. (AGI)