Duemila migranti salvati e tremila alla deriva: domani in 600 a Palermo

0
11

Almeno 15 barconi intercettati nel Canale di Sicilia, duemila persone tratte in salvo, 600 delle quali in arrivo domani mattina nel porto di Palermo, e ancora almeno 3000 profughi in attesa di soccorso su barconi alla deriva in mare aperto: è il pesantissimo bilancio delle operazioni condotte oggi dalle navi militari italiane, tedesche e irlandesi e tutt’ora in corso. Una nuova escalation delle traversate della speranza, favorita in queste ore dalle buone condizioni meteo.

Tutti i mezzi europei in zona sono stati dirottati nel tratto di mare in cui sono avvenuti gli avvistamenti, e tra questi anche la nave della Royal Navy HMS Bulwark a bordo della quale si trova il ministro della Difesa, Michael Fallon che ha anche lanciato un appello agli altri paesi europei perché vengano potenziati i mezzi in tempi brevi: “Vengano qui ad aiutare”, ha detto il ministro. 

Intanto dalla Libia arrivano notizie allarmanti sul sequestro di un gruppo di migranti che i trafficanti stavano conducendo a Tripoli: secondo le informazioni diffuse da una ong svedese uomini dell’Is avrebbero bloccato un gruppo di profughi separando i musulmani dai cristiani e portando via questi ultimi, un gruppo di 86 persone fra cui 12 donne e bambini.