Antenne 5G a Palermo in pieno centro storico, la denuncia di Fratelli d’Italia

0
53
antenne 5G a Palermo

Antenne 5G a Palermo sui tetti del centro storico, spuntate come i funghi nelle ultime settimane. A denunciare la vicenda, che sta creando stupore e allarme tra i residenti, è Fratelli d’Italia che chiede spiegazioni a Leoluca Orlando.

antenne 5G a palermoCon una presa di posizione congiunta, il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia Giampiero Cannella e il consigliere comunale Mimmo Russo, sono intervenuti sull’argomento del 5G a Palermo, il partito della Meloni ha anche presentato, a Palazzo delle Aquile, una interrogazione al sindaco.

“Il tema della tecnologia dei sistemi mobili di quinta generazione è ancora controverso e gli effetti sulla salute dell’uomo delle onde elettromagnetiche emesse dalle antenne è allo studio degli esperti – affermano Cannella e Russo -. Non si può però fare a meno di sottolineare che, la comparsa di antenne su immobili del centro storico di Palermo, che è sottoposto ad una serie di vincoli della Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali, non può che suscitare stupore. Oltre a rappresentare un ipotetico fattore di rischio per la salute dei residenti, quelle antenne, alcune delle quali piazzate nelle immediate vicinanze di Palazzo Gangi di Valguarnera e del complesso di Sant’Anna, deturpano il paesaggio urbano di uno dei centri storici più grandi e apprezzati d’Europa” – concludono i due esponenti di Fratelli d’Italia.

Nell’interrogazione presentata il 16 novembre scorso, il consigliere Mimmo Russo ha scritto al sindaco Leoluca Orlando: “Preso atto che, dal 2019 sono iniziate le installazioni di sistemi mobili di quinta generazione che prevedono il posizionamento di nuove infrastrutture tecnologiche di milioni di gruppi di nuove miniantenne millimetriche su abitazioni, scuole, uffici e che in molte vie di Palermo sono già state installate. Considerato che, da tempo è emerso un rilevante dibattito a livello nazionale ed internazionale derivante dall’esposizione alle onde elettromagnetiche, su potenziali effetti nocivi per la salute del cittadino, si ritiene necessario valutare l’ipotesi di una sospensione dell’installazione,fino a quando non sia chiarito quale sia l’impatto sulla salute pubblica derivante dal relativo utilizzo se sono stati chiesti pareri tecnici e verifiche scientifiche”. Fratelli d’Italia a Sala delle Lapidi nell’interrogazione ha chiesto inoltre “se sono state rilasciate le necessarie concessioni per l’istallazione, se le antenne installate nelle vie di Palermo sono già funzionanti e quale posizione l’Amministrazione comunale intende prendere con riferimento al progetto 5G a tutela dell’ambiente e del diritto alla salute”.