Liberata aquila del Bonelli che era stata ferita

L'animale è stato liberato oggi in provincia di Caltanissetta, in un luogo scelto dagli esperti perchè il suo ambiente è molto adatto

0
136

Dopo diciassette mesi di cure veterinarie e attività riabilitative nel centro Lipu di Ficuzza, torna a volare nei cieli siciliani l’esemplare di aquila di Bonelli ferita nel settembre 2016 da un bracconiere e recuperata da attivisti Wwf di Licata.

L’animale è stato liberato oggi in provincia di Caltanissetta, in un luogo scelto dagli esperti perché il suo ambiente è molto adatto. Quest’aquila di Bonelli era una delle giovani sorvegliate nel 2016 dal Gtr-gruppo Tutela Rapaci, impegnato nella lotta al furto di uova e pulcini, e ora che l’esemplare può tornare a far parte della popolazione siciliana, la soddisfazione di tutti gli attivisti è grande.

L’Aquila di Bonelli in Italia è una specie rara e a rischio d’estinzione che si riproduce esclusivamente in Sicilia. La principale minaccia consiste nel furto di uova e pulcini dai nidi, che vengono poi commercializzati e scambiati illegalmente. (ANSA)