Avola: minaccia il sindaco Cannata con una roncola, arrestato trentacinquenne

0
157
sebastiano germano, arrestato

Avola: pretendeva dal sindaco Luca Cannata un sussidio economico ed un lavoro. Non ci ha pensato un attimo e ieri pomeriggio, armato di una roncola, si è presentato davanti l’ingresso del Comune.

Il primo cittadino Luca Cannata è stato affrontato da un uomo, che senza esitazioni lo ha aggredito verbalmente, minacciandolo con l’attrezzo che ha tirato fuori dal giubbotto. Qualche istante di panico, ma il pronto intervento di alcuni dipendenti comunali ha indotto l’aggressore a fuggire. I fatti sono stati riferiti alla Polizia che in tempi brevissimi ha identificato e rintracciato l’aggressore. Si tratta di Sebastiano Germano, 35 anni, arrestato con l’accusa di violenza e minaccia aggravata e porto ingiustificato di strumenti atti ad offendere. L’uomo è stato bloccato nei pressi della sua abitazione, all’interno della sua auto, dove è stata trovata la roncola, che aveva utilizzato per minacciare il sindaco. Dalle immagini del sistema di videosorveglianza è apparso chiaro che Germano si trovava da ore fuori dal Municipio in attesa del sindaco. Ora Germano si trova agli arresti domiciliari.

“La situazione ha ormai raggiunto i tratti di una vera e propria emergenza che, aggravata dalle precarie condizioni economiche degli enti locali, necessita di un intervento deciso ed organico”. A dirlo sono Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, rispettivamente presidente e segretario generale dell’AnciSicilia, dopo l’intimidazione al sindaco di Avola e vice presidente vicario dell’associazione dei Comuni siciliani, Luca Cannata. “Esprimiamo la solidarietà dell’AnciSicilia a Cannata, bersaglio di un nuovo atto intimidatorio”, dicono Orlando e Alvano. “Continuamente messi con le spalle al muro dalle esigenze delle comunità, sempre più difficili da soddisfare anche per i continui tagli ai trasferimenti, o dalle minacce di cittadini disperati – proseguono -, gli amministratori locali non riescono a svolgere il proprio compito in maniera serena e questo sta determinando una concreta difficoltà nel portare avanti l’impegno politico e civile all’interno delle sedi istituzionali”.