Boom di vendite di Tv, ma nessuno sa come smaltire i vecchi apparecchi

0
16
vendite di tv

Boom di vendite di tv, ma diventa un caso la difficoltà di smaltimento dei vecchi televisori. Potenza dell’effetto del bonus rottamazione, sulle vendite di tv, vendite schizzate con un incremento del 122% per cento rispetto allo stesso periodo del 2020 e del 114 per cento rispetto alla settimana precedente l’attivazione del bonus. Ma i rivenditori adesso si trovano in grosse difficoltà per lo smaltimento dei vecchi elettrodomestici che vengono ritirati.

“Nel centro-Sud Italia e nelle Isole il volume di vendite è triplicato sia in termini di valore che in termini di volumi – dice Maurizio Calaciura, presidente Ancra Sicilia, l’associazione dei commercianti di elettrodomestici ed elettronica di consumo aderente a Confcommercio -. Ma non è aumentata allo stesso modo la capacità di smaltimento di Raee (Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) della regione Sicilia”.

“I rivenditori e gli installatori non sanno più dove metterli dopo averli ritirati dal cliente – continua Calaciura – la Sicilia è impreparata, assente, manca il piano dei rifiuti Raee. La raccolta con i canali tradizionali (attraverso il Cdc Raee) va un po’ meglio con i grandi rivenditori e le catene, ma anche loro arrancano in Sicilia e sono ancora sprovvisti di cestoni Tv da rottamare (che necessitano ai rivenditori). Ma è assolutamente ingestibile per i piccoli rivenditori soprattutto, quelli di vicinato, e i comuni siciliani non sono attrezzati per questa tipologia di rifiuto speciale”.

“L’assessore Baglieri deve affrontare al più presto la questione e chiediamo un incontro a breve, altrimenti saremo costretti a rivolgerci alla Corte di Giustizia europea – aggiunge – Siamo stanchi di essere sempre additati come la causa dello smaltimento errato dei rifiuti Raee . Non siamo noi a causare il problema. Non si può ancora rinviare, il piano per i centri di raccolta Raee con le ‘micro aree ecologiche a basso impatto ambientale'” .

“Il piano esiste ed è chiuso nei cassetti – aggiunge Calaciura – che si proceda con l’attuazione. Inoltre, l’attuazione del piano porterebbe all’esclusione della criminalità organizzata dal circuito di smaltimento, essendo ben controllata l’intera filiera, con l’auspicata piena tracciabilità del rifiuto Raee ad oggi inesistente in Sicilia”.