Calcio, Malagò candida alla guida della Lega Serie A il palermitano Gaetano Micciché

0
115

Bastano 4 ore a Giovanni Malagò per sbloccare l’impasse che regna nella Lega Serie A da quasi un anno. Il commissario si presenta davanti ai venti club con un candidato per la presidenza, Gaetano Miccichè, palermitano classe ’50, alla guida di Banca Imi del gruppo Intesa Sanpaolo, chiave di volta per sbloccare le altre 8 cariche: per il ruolo di ad resiste al momento la sola candidatura di Sami Kahale, ex manager di Procter&Gamble, per il consigliere indipendente Malagò suggerisce “una donna di sport o un rappresentante della categoria giocatore-allenatore, laico rispetto alle società”, e poi andranno rispettate le minoranze per la scelta dei 4 consiglieri di Lega e dei 2 consiglieri federali.

Il puzzle inizia a comporsi, l’obiettivo è completarlo il 19 marzo ma “può essere come tela di Penelope si fa e si disfa”, ammette Malagò. Non a tutti piace la sua mossa. Intanto il clima e’ stato “coeso” nella prima riunione, seguita da una cena in un grande hotel. Da Cairo a De Laurentiis, da Preziosi a Marotta fino a Vigorito, che ha sfidato la neve da Benevento a Roma per prendere l’aereo, c’erano rappresentanti di tutti i 20 club. Anche la Lazio (col direttore marketing) di Lotito, altrove in campagna elettorale e regista del blitz per tentare di eleggere il presidente mentre Malagò era in Corea.

“Nessun fastidio, volevano dirmi ‘Stai sempre con noi'” minimizza il n.1 del Coni, un ciclone che forse ha cambiato la prospettiva della Lega con un nome: Gaetano Micciché, MBA alla Bocconi, esperienze nel risanamento di gruppi industriali, membro del Consiglio di Rcs presieduto da Cairo, fratello del politico di Forza Italia Gianfranco, e dell’ex vicepresidente del Palermo Guglielmo.

“Non so se sia disponibile, ma c’è stato consenso pressoché unanime – ha spiegato Malagò -. E’ una mia idea, del tutto personale di cui devo parlare ancora con il diretto interessato. Gli dirò che bisogna dare una mano al mondo del calcio. E’ un uomo di sport, molto appassionato, competente, un uomo di relazioni, di sistema, molto stimato. Sarebbe un eccellente ticket con i profili proposti per il ruolo di ad”.