Campobello di Mazara: guidava e faceva benzina, scoperto faldo cieco

0
23

Se ne andava in giro in automobile, guidava liberamente e quando era a corto di carburante faceva benzina da solo al distributore automatico pur avendo un certificato di cecità.

Il falso cieco è stato scoperto a Campobello di Mazara, nel Trapanese, dai carabinieri che hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di Marsala, su richiesta della locale Procura, nei confronti di un uomo di 60 anni, nato in Svizzera ma residente da anni nella cittadina in provincia di Trapani.

Le indagini hanno permesso di scoprire che, grazie a una documentazione medica comprovante una cecità parziale, già dal 2005 l’uomo percepiva una pensione di invalidità e avrebbe ricevuto dall’Inps circa 40mila euro.

Nonostante dal 1998 gli fosse stata revocata la patente per mancanza dei requisiti fisici, l’uomo continuava a guidare la propria auto, rispettando precedenze e segnaletica stradale senza apparente difficoltà anche per lunghi itinerari e senza occhiali.

I militari lo hanno sorpreso anche mentre faceva rifornimento di benzina nei distributori automatici e mentre svolgeva lavori domestici come potare un albero. “Le indagini – spiegano gli investigatori – hanno permesso di accertare come dal luglio 2016 l’uomo svolgesse di fatto attività incompatibili con la patologia di cui risulta formalmente affetto e per cui è indagato”.

Per tale motivo, il giudice di Marsala ha emesso nei confronti dell’uomo un sequestro preventivo diretto di 18.500 euro. Il 60enne deve rispondere anche di indebita percezione di erogazioni dello Stato e di truffa aggravata.  I carabinieri hanno sequestrato le somme trovate nei conti correnti riconducibili all’indagato e bloccato la restante parte presso una nota compagnia assicuratrice. Gli accertamenti patrimoniali, infatti, hanno permesso di comprendere come il 60enne fosse beneficiario di una cospicua somma dopo la morte di un familiare in un incidente avvenuto a Campobello di Mazara nel 2019.