Canottaggio, Sicilia protagonista con due ori e tre bronzi a Sabaudia

0
40

Canottaggio: Sicilia protagonista nella Gran fondo di 6 km. che si è disputata domenica, sul lago di Pola. In partenza 480 atleti gara e 145 equipaggi dalla categoria Allievi C a quella Master, specialità del quattro di coppia e dell’otto, le barche lunghe del canottaggio. Parallelamente è stata disputata – su indicazione della Federazione – una regata dedicata a singoli e due senza, selettiva per il raduno della Nazionale che inizierà, sempre a Sabaudia, subito dopo la conclusione della Gran fondo: i tecnici azzurri vogliono già lavorare sulla squadra che andrà alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Torniamo al canottaggio siciliano che torna dalle gare in Lazio con cinque medaglie: due ori e tre bronzi nella gara nazionale di fondo sulla distanza di 6 km. Sul gradino più alto del podio è salito il quadruplo Senior del Telimar composto dagli azzurri Emanuele Gaetani Liseo e Mirko Cardella, insieme con Ionut Vladut Brinza e Alberto Conti. Per i quattro atleti palermitani si è trattato di un allenamento più che di una regata, infatti l’unico equipaggio avversario iscritto si è ritirato.

L’altro oro è stato vinto dal quattro di coppia Junior misto Telimar-Sc Palermo-San Cristoforo Milano-Elpis Genova: Gianluca Cassarà (Telimar) e Angelo D’Amico (Sc Palermo), con altri due compagni di barca,  hanno imposto quasi trenta secondi di distacco ai secondi del Barion. Nella stessa gara, quarto il misto Telimar-Crv Italia-Barion con a bordo i palermitani Fabio Guerrera e Andrea Ruvolo.

Medaglie di bronzo: la prima della Sc Palermo, a vincerla, il quattro di coppia Cadetti con a bordo Luca Francaviglia, Walter Sciara, Francesco Lo Bue e Francesco La Vecchia. Nella stessa regata, settimo il Telimar con Pietro Alioto, Ruggero Bini, Antonio Muscaglione, Gioanni Letto.

L’altro bronzo è merito del quattro del Lauria con a bordo Francesco Armetta, Giuseppe Urbano Tortorici, Calogero Galletto, Guglielmo Caprì: gara tiratissima per loro che sono arrivati a cinque secondi di distacco dall’argento e hanno imposto un distacco di quattro secondi alle Fiamme gialle. Settimo il Telimar misto Sc Palermo-Pro Monopoli con Tancredi Palumbo (Telimar) e Andrea Benigno (Sc Palermo).

A vincere l’ultimo alloro siciliano è stata la Sc Palermo (nella foto a sinistra) con Sisto Bosco, Roberto Miraglia, Giuseppe Chianello, Massimo Inzerillo, Giuseppe Badalamenti, Sergio Rappa, Lucio Esposito Lavinia, Maurizio Capritti e al timone Guido Berti (Timavo). Gli otto master sono riusciti a strappare con i denti questa medaglia: infatti, i quarti sono arrivati a un secondo e quattro decimi da loro. Tra i Master, settima posizione per le donne del Telimar nel quattro di coppia: Stella Gallo, Maria Concetta Trentacoste, Sabrina Spedale e Antonella Pantuso.

Al termine della Gran fondo di canottaggio è stata la volta delle gare selettive in singolo e due senza, propedeutiche per il raduno nazionale valido per il progetto “Tokyo 2020”. Nel due senza, quinto posto per Emanuele Gaetani Liseo e Ionut Vladut Brinza (Telimar). Nel singolo Pesi leggeri, decimo Alberto Conti (Telimar); tra le donne, quinta Serena Lo Bue (Sc Palermo, nella foto a sinistra). Tra gli Junior, sesto posto in singolo per Gianluca Cassarà (Telimar) e quarto per Marta Naselli (Sc Palermo) arrivata a sei secondi dal podio.