Il cantautore siciliano Valerio Massaro finalista al premio Mia Martini

0
232

Una provocazione sul rapporto tra la musica di oggi e le ragioni economiche del mercato. Si intitola “La trap come il Pil” il brano che ha permesso al cantautore siciliano Valerio Massaro di entrare tra i finalisti del Premio Mia Martini, che si svolgerà tra il 24 e il 26 novembre al teatro comunale Gentile di Cittanova, in provincia di Reggio Calabria.

Il brano “La trap come il Pil”, arrivato a oltre 120 mila visualizzazioni, è disponibile su YouTube: https://www.youtube.com/watch?v=zdUS-KWl5RM.

«Un addetto ai lavori – racconta Valerio Massaro spiegando la genesi del brano – un giorno mi ha detto: “Oggi vale la pena investire qualcosa sulla Trap che va forte, il resto sono canzonette che non rendono più”. Questa canzone è nata in tale circostanza. Mi sono ritrovato a riflettere sul mio percorso musicale e al mio personale rapporto con la musica e con gli addetti ai lavori. La canzone intanto non vuole essere una critica alla musica trap. Come dico nella stessa canzone, ho un sacro rispetto per tutta la musica, per tutte le forme d’arte, per i vari generi espressivi. Il genere trap è una modalità espressiva lontana dal mio mondo, ma ogni canzone, se comunica e arriva alla gente è arte da rispettare. Semplicemente pongo l’attenzione sulla commistione di arte e interessi economici».

La canzone tratta del personale rapporto tra l’artista e la musica, che come un’irresistibile donna pretende attenzioni, ma poi esce  – discograficamente – con altri. Vuole sentimento, ma frequenta i duri del momento. Si appassiona di musica trap, ma legge il Financial Times e si interessa di economia e di Prodotto interno lordo.

Il brano si può ascoltare su tutte le piattaforme, tra cui Spotify: https://open.spotify.com/track/15GwJ6aXIYjhCgNdnrMWv0?si=448b6ec5e0174441