Caso Palamara, Quirinale “Grave sconcerto, urgente riforma del Csm”

0
12

ROMA (ITALPRESS) – "In riferimento alle vicende inerenti al mondo giudiziario, assunte in questi giorni a tema di contesa politica, il Presidente della Repubblica ha gia' espresso a suo tempo, con fermezza, nella sede propria – il Consiglio Superiore della Magistratura – il grave sconcerto e la riprovazione per quanto emerso, non appena e' apparsa in tutta la sua evidenza la degenerazione del sistema correntizio e l'inammissibile commistione fra politici e magistrati". E' quanto si legge in una nota dell'ufficio stampa della Presidenza della Repubblica sulle recenti vicende legate al mondo giudiziario. "Il Presidente della Repubblica ha, in quella stessa sede, sollecitato modifiche normative di legge e di regolamenti interni per impedire un costume inaccettabile quale quello che si e' manifestato, augurandosi che il Parlamento provvedesse ad approvare una adeguata legge di riforma delle regole di formazione del CSM – prosegue la nota -. Una riforma che contribuisca – unitamente al fondamentale e decisivo piano dei comportamenti individuali – a restituire appieno all'Ordine Giudiziario il prestigio e la credibilita' incrinati da quanto appare, salvaguardando l'indispensabile valore dell'indipendenza della Magistratura, principio base della nostra Costituzione". "Per quanto superfluo va, peraltro, chiarito che il Presidente della Repubblica si muove – e deve muoversi – nell'ambito dei compiti e secondo le regole previste dalla Costituzione e dalla legge e non puo' sciogliere il Consiglio Superiore della Magistratura in base a una propria valutazione discrezionale", sottolinea il Colle. "Per quanto attiene alla richiesta che il Presidente della Repubblica si esprima sul contenuto di affermazioni fatte da singoli magistrati contro esponenti politici va ricordato che, per quanto gravi e inaccettabili possano essere considerate – prosegue il comunicato -, sull'intera vicenda sono in corso un procedimento penale e diversi procedimenti disciplinari e qualunque valutazione da parte del Presidente della Repubblica potrebbe essere strumentalmente interpretata come una pressione del Quirinale su chi e' chiamato a giudicare in sede penale o in sede disciplinare: la giustizia deve fare il suo corso attraverso gli organi e secondo le regole indicate dalla Costituzione e dalle leggi". "In merito alle vicende che hanno interessato la Magistratura, il Presidente della Repubblica, come ha gia' fatto in passato, tornera' a esprimersi nelle occasioni e nelle sedi a cio' destinate, rimanendo estraneo a dibattiti tra le forze politiche e senza essere coinvolto in interpretazioni di singoli fatti, oggetto del libero confronto politico e giornalistico", conclude il Quirinale. (ITALPRESS). sat/com 29-Mag-20 18:53