Catania, appalto truccato al Policlinico: sgominata gang medici-grossisti, primario arrestato

0
96

Una gang di medici, tra cui un primario, e grossisti della sanità. E’ quanto emerge dal blitz della Guardia di finanza di Catania che ha fatto luce su un maxi appalto nel settore della sanità per dispositivi medici per urologia, Giuseppe Morgia, 60 anni, direttore dell’Unità operativa complessa di urologia dell’Azienda ospedaliera universitaria Policlinico “Vittorio Emanuele” di Catania; il responsabile commerciale della “C.Bua srl”, Massimiliano Titti, 51 anni, attivo all’ingrosso di prodotti medicinale e ortopedici, con sede a Bagheria (Palermo), rivenditore esclusivo in Sicilia, tra gli altri, dei prodotti della “Karl Storz Endoscopia italia srl” e della “Erbe Italia srl”.

I due sono stati sottoposti ai domiciliari. Sospesi per un anno dal servizio di medico pubblico e dall’attivita’ di agenti di commercio Tommaso Massimo Castelli, 40 anni, dirigente medico dell’equipe del professore Morgia; Antonino Di Marco, 57 anni, rappresentante di prodotti sanitari attivo in provincia di Catania, anche su commessa della “C.Bua srl”: Maurizio Francesco La Gattola, 58 anni, agente di prodotti sanitari e medicali, addetto alla vendita di prodotti della “Boston Scientific spa”, con sede a Milano, attiva nel commercio all’ingrosso di articoli mediacali”. Sono accusati, a vario titolo, di reati di turbata libertà degli incanti, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, istigazione alla corruzione, concussione e riciclaggio.

L’appalto oggetto dell’indagine è la gara del 17 luglio 2018 bandita dal Policlinico universitario “Vittorio Emanuele” di Catania per “l’approvvigionamento triennale, con opzione di rinnovo semestrale, di dispositivi medici per urologia occorrenti alle aziende sanitarie, ospedaliere e universitarie del Bacino della Sicilia Orientale, suddivisa in 209 lotti per complessivi 55.430.178 euro.