Cinquanta opere di Gianbecchina al Conservatorio di Palermo

0
27
gianbecchina al conservatorio

Le opere di Gianbecchina al Conservatorio di Palermo. L’atto di donazione sarà siglato dal presidente Gandolfo Librizzi e dall’architetto Alessandro Becchina, presidente dell’Archivio Gianbecchina.

La collezione comprende 50 opere, tra tele ad olio, incisioni e disegni di vari periodi pittorici tra i quali: “il Grande Paesaggio” 1980, “L’eruzione dell’Etna” 1983, “il periodo Astratto” 1960/65 e “La Gente di Sicilia” 1970/75.

I lavori sono destinati alla futura pinacoteca della nuova sede del Conservatorio “Alessandro Scarlatti” nel complesso di San Francesco d’Assisi. “L’idea di coniugare i colori del Maestro con la musica – dice Alessandro Becchina – ha visto il consenso dell’amministrazione comunale di Palermo e della presidenza del Conservatorio. E, in occasione della cerimonia di consegna delle chiavi delle sale del San Francesco, svolta nello scorso mese di giugno ha sancito concretamente questo progetto, che vuole essere un luogo d’incontri, eventi ed opportunità per la nostra città. Infatti,Palermo è stata scenario di attività che per oltre ottant’anni di creatività ha visto Gianbecchina uno dei protagonisti della vita artistica e culturale della Capitale”.

Per il presidente Gandolfo Librizzi: “Con la firma dell’atto di donazione tra il Conservatorio  e l’Archivio Gianbecchina, si compie una grande operazione culturale. Le opere del Maestro Gianbecchina animeranno, in un fruttuoso scambio fra musica e arte pittorica, la nuova sede del Conservatorio, che diventerà perciò, come è stato sempre nelle intenzioni, un luogo d’arte di eccellenza, una nuova frontiera culturale, nel cuore antico di Palermo, tra Piazza San Francesco e Piazza Marina. Aprire il proprio archivio e farne dono alla città, rendendo fruibili a un pubblico più vasto la narrazione pittorica fissata nei colori di quella Sicilia ritratta nei suoi essenziali tratti paesaggistici, tra natura, volti e lavoro del loro congiunto, è un gesto che va senz’altro annoverato fra i gesti più significativi e nobili, esempio da seguire e avere a riferimento”.