Diritti degli animali, la consigliera Aluzzo: “Buone premesse ma bisogna andare avanti”

0
14

 

PALERMO – Continua il confronto tra amministrazione comunale e animalisti. Ieri alla presenza delle associazioni animalisti c’è stato l’incontro promosso dalla IV commissione consiliare (Presidente la Consigliera Giusi Scafidi), alla presenza della consigliera comunale Federica Aluzzo, al quale hanno preso parte anche l’Assessore Franco Maria Raimondo, il Capo Area settore verde e diritti animali Domenico Musacchia, Francesco Francaviglia dell’Asp veterinaria, Bernardo Streva nuovo responsabile amministrativo del Canile, il Comandante del nucleo cinofilo Messina e il Consigliere Gaspare Lo Nigro.

“Sono soddisfatta dell’attiva partecipazione delle associazioni animaliste e di cittadini amanti degli animali. Le criticità emerse sono tante così come forte è la determinazione di questa amministrazione di volerle superare – spiega la consigliera Federica Aluzzo – . Prima tra tutti vi è l’emergenza randagismo e tutto quello che ne consegue. Il sindaco, la consulente Elena La Porta e tante altre figure competenti sono state da poco ricevute dal Prefetto per mettere su un piano d’azione per cercare di arginare il fenomeno randagismo in attesa della costruzione del nuovo rifugio e della ristrutturazione del canile esistente che diventerà presidio sanitario. Si sta lavorando per individuare la zona in cui far sorgere il nuovo rifugio ipotizzando, così come riferito dall’Assessore Raimondo, Fondo Inserra e il piccolo rifugio di via Messina Montagne”.

“Risulta evidente – aggiunge la Aluzzo – che il trasferimento dei cani in altre regioni d’Italia messo in campo, non sia una soluzione vincente per cui si stanno ipotizzando vie alternative che coinvolgano maggiormente il territorio. Ma per combattere il randagismo si deve intervenire in maniera globale agendo su tante sfere collaterali: aumentare le sterilizzazioni (si sta cercando un locale in cui poterle effettuare e si è ipotizzato  l’ex mattatoio).  Inoltre come proposto da Elena La Porta, si potrebbero incentivare facendo una convenzione col Comune per farle ottenere anche ai privati a basso costo. La stessa ha sottolineato l’importanza di sfruttare rifugi privati del territorio per ospitare i cani invece di trasferirli fuori la Sicilia; l’importanza di creare una rete di volontari disposti a collaborare col Comune e di creare progetti di sensibilizzazione sul rispetto degli animali anche nelle scuole”.

“Con la V Commissione consiliare – conclude – stiamo portando avanti anche il progetto del cimitero degli animali, simbolo del legame profondo che si crea con i padroni che va al di là della corpo fisico e che rappresenta anche la risoluzione di una mancanza della nostra regione con conseguenze legali ed igienico-sanitarie non piacevoli. I nodi da sciogliere sono tanti, ma sono fiduciosa sul fatto che questa amministrazione sta inserendo anche i diritti degli animali tra le priorità da affrontare dando il giusto peso ad un settore che è lo specchio della civiltà di una città..