Coronavirus: a Villafrati e in zona 102 positivi, allarme nelle scuole a Palermo

0
125

Sono saliti a 85 i positivi da Coronavirus a Villafrati e 17 nei paesi dell’hinterland. Sono i dati comunicati dall’Asp di Palermo ieri sera. A Villafrati il presidente Musumeci ha istituito di nuovo per la seconda volta la “zona rossa”. Il sindaco Franco Agnello si trova ricoverato all’ospedale Civico ha affidato ad un video messaggio un appello ai suoi concittadini.

“Sto meglio per il secondo giorno il mio respiro è più autonomo. Qualche colpo di tosse non mi lascia ancora – ha detto il sindaco Agnello – Invito tutti i cittadini a rispettare le norme di questa zona rossa ibrida istituita dal governo regionale. Non sappiamo se questo provvedimento di una settimana verrà prorogato o ci sarà una maggiore restrizione. Tutto dipende da noi e da quanto rispettiamo le norme previste. I positivi sono tanti, ma il numero potrebbe aumentare. Sono convinto che ne usciremo quanto prima, più forti di prima e riponiamo fiducia nelle istituzioni”.

Un positivo al Coronavirus in una quarta del liceo scientifico Galileo Galilei di Palermo e l’intera classe da ieri e fino al 16 ottobre farà la didattica a distanza. Lo ha comunicato ai genitori, agli insegnanti al personale Ata la dirigente dell’istituto Chiara Di Prima. “Questa situazione – scrive la preside – dimostra, ancora una volta, quanto sia importante il rispetto delle norme (uso della mascherina, distanziamento, igienizzazione delle mani) che come comunità ci siamo dati allo scopo di evitare, nei limiti del possibile, l’ulteriore diffusione del contagio”.

Un’alunna è positiva al Coronavirus in una classe dell’istituto comprensivo Leonardo da Vinci di Palermo e i compagni e alcuni professori sono in quarantena. I familiari della ragazzina, assente da alcuni giorni, hanno comunicato la positività della figlia dopo aver ricevuto l’esito del tampone. “Abbiamo subito informato i genitori e i docenti della classe interessata e abbiamo sanificato la scuola – dice la dirigente Giovanna Genco – Ventisette persone, tra compagni di classe e docenti, sono in isolamento, in attesa dell’esito dei test”. La classe ha iniziato la didattica a distanza. “Abbiamo comunicato subito il caso per email al dipartimento Prevenzione dell’assessorato regionale alla Salute, che ci ha risposto immediatamente e ha disposto l’isolamento. Abbiamo già fatto la sanificazione. Questa mattina l’ingresso è stato un po’ posticipato – continua la dirigente – La scuola è regolarmente aperta”.