Coronavirus: in Sicilia 29 nuovi casi, in totale i casi sono 562

0
31

Sono 29 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia: 10 nel Catanese, 7 nel Palermitano, 6 in provincia di Ragusa, 3 nel Siracusano, 2 in provincia di Agrigento, e uno nel Trapanese. Tutti i casi fanno riferimento a cluster noti e comunque sono tutti asintomatici. Una la persona dimessa dal regime ospedaliero, 4 i guariti in più rispetto a ieri.

Lo rende noto il report quotidiano del Ministero della salute e dell’Istituto Superiore di Sanità. I dati, elaborati anche dalla Protezione Civile, sono forniti dalla Regione siciliana. Ieri i casi registrati erano stati 89, 73 dei quali migranti. Il numero delle persone ricoverate diminuisce, anche se solo di una unità. Adesso in ospedale si trovano 49 persone, 43 delle quali in regime ordinario; restano sei i ricoverati in terapia intensiva senza variazioni negli ultimi due giorni.

Nessuna variazione anche sul fronte dei decessi che restano 284 dall’inizio dell’epidemia nell’isola. Complessivamente sono 562 gli attuali positivi in Sicilia, 513 dei quali si trovano in isolamento domiciliare. Sono 3.603 i casi in dall’inizio dell’epidemia e 2.757 i guariti. Sul fronte dei tamponi ,sono 2.248 quelli eseguiti nelle ultime 24 ore ed hanno superato quota 301mila nell’intero periodo dell’emergenza sanitaria.

Sono marito e moglie, da quanto si apprende, i due dipendenti, entrambi in servizio alle Poste di via Ugo La Malfa, a Palermo, risultati positivi al Coronavirus. Il primo caso, quello della dipendente del centro di smistamento, è stato scoperto lunedì sera, mentre ieri mattina si è registrato il secondo, quello del marito della donna.

Ieri, era stato il segretario di Cisl Poste Maurizio Affatigato a rendere nota la positività dei “due dipendenti del centro meccanico di smistamento delle Poste di via Ugo La Malfa”. Ieri stesso, Poste Italiane ha fatto fatto sapere di avere “prontamente sanificato gli ambienti di lavoro a tutela del personale e della clientela”, rassicurando i cittadini “sul regolare svolgimento del servizio di recapito nel territorio interessato”.