Coronavirus: un caso a Palermo, turista di Bergamo ricoverata al “Cervello”

0
21
ospedale cervello

E’ stata ricoverata nella serata di lunedì all’ospedale Cervello di Palermo per un sospetto caso di Coronavirus. E’ una turista di Bergamo, in vacanza nel capoluogo siciliano, con un gruppo di amici. La signora ha accusato i sintomi del Covid-19 ed è stata visitata prima in guardia medica e poi trasportata in ospedale per eseguire i tamponi.

La donna, in vacanza in un albergo del centro di Palermo, ha accusato alcuni sintomi influenzali e dopo la visita della guardia medica è stata portata in ospedale per l’esame dei tamponi. Ora si attende l’esito dei controlli. Come appreso dall’Adnkronos, l’ultima volta che ha misurato la temperatura, poco prima delle quattro, era di 37.4. La donna è in isolamento in attesa dei risultati. Per gli amici che viaggiavano con lei sarebbe prevista una quarantena di 14 giorni in albergo. Per loro e per tutti coloro che all’interno dell’albergo hanno avuto contatti col gruppo. Nessuno di loro, compreso il partner della donna, ha accusato sintomi del Coronavirus.

E’ risultato negativo al tampone il marito della donna positiva al test Coronavirus a Palermo. La comitiva di Bergamo composta da 29 persone, alloggiata in un hotel di una catena internazionale, nel centro del capoluogo siciliano, è stata confinata e sottoposta alle analisi. Tra i primi risultati, proprio l’esito negativo del tampone sul marito della donna.

Il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci dice: “Si tratta di una donna di origine bergamasca presente in Sicilia con una comitiva e arrivata a Palermo prima dell’inizio dell’emergenza in Lombardia”.

“Il campione esaminato al Policlinico di Palermo – ha aggiunto il governatore – verrà immediatamente inviato allo Spallanzani per ulteriori verifiche. La signora, che è stata posta in isolamento al reparto di malattie infettive dell’Ospedale Cervello, è pienamente cosciente e mi è stato riferito che non presenta particolari condizioni di malessere. Ringrazio tutti gli operatori perché la macchina sanitaria regionale si è mossa con prontezza ed ha dimostrato di essere pienamente allertata. Al termine degli accertamenti daremo tutte le informazioni necessarie. Al momento restano ferme tutte le disposizioni già impartite: comunicare immediatamente la presenza nell’Isola alle autorità sanitarie per quanti provengano dalle cosiddette “Zone gialle” e richiedere l’intervento medico nel caso di sintomatologia influenzale, chiamando il numero unico a dell’emergenza e il proprio medico di famiglia”.

La donna bergamasca risultata positiva al coronavirus a Palermo è stata isolata assieme al marito e l’esame di laboratorio per verificare il virus è stato ripetuto due volte. Dopo il risultato – spiega la Regione siciliana – sono stati isolati “tutti coloro che hanno avuto contatti ravvicinati con la coppia, ai quali è stato nella notte prelevato un campione salivare mediante tampone faringeo”. “Abbiamo immediatamente informato – dice il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci – la task force nazionale e l’Istituto Superiore di Sanità per concordare le procedure da adottare. Siamo impegnati dalla notte a mettere in atto le procedure previste, che sono state immediatamente eseguite grazie al lavoro di questi giorni”. Musumeci è in stretto contatto col sindaco di Palermo Leoluca Orlando e con il prefetto Antonella De Miro.