Costringeva la sua fidanzata a incontri di gruppo: arrestato calciatore

0
24

Una relazione sentimentale “particolare”, che ha rischiato di costarle la vita: protagonista è una giovane donna palermitana che dopo aver subito violenze di ogni genere ed esser stata costretta addirittura a prostituirsi ha trovato il coraggio di denunciare il fidanzato. E per l’uomo è scattato l’arresto.

In manette è finito un calciatore di 27 anni, residente a Partanna Mondello: i Carabinieri lo hanno arrestato con le accuse di sfruttamento della prostituzione, violenza sessuale e stalking. E in effetti l’elenco degli abusi riferiti dalla sua vittima è lungo e sconcertante.

La relazione tra i due è cominciata due anni fa ma quasi subito sarebbe stata segnata da costrizioni e violenze: la giovane donna ha raccontato di essere stata obbligata a soddisfare richieste sessuali estreme e addirittura a incontri hot a pagamento. Il calciatore l’avrebbe costretta addirittura a incontrare altri uomini, fino a 20 al giorno, in appartamenti dell’Addaura e di Partanna Mondello. Per queste prestazioni particolari i due avrebbero anche viaggiato: gli incontri di gruppo avvenivano, infatti, anche in Svizzera. E a tutto questo si aggiungevano violenze sessuali, molestie psicologiche e vere e proprie persecuzioni.

Un autentico calvario, insomma, che ha portato la giovane vittima sull’orlo del suicidio. Poi, con l’aiuto della madre e di una zia che l’hanno supportata e convinta a parlare, la donna ha denunciato tutto ai Carabinieri. E oggi per il suo ex sono scattate le manette.