Covid: il palazzetto dello sport di Bagheria diventerà hub vaccinale

0
7

Il palazzetto dello sport di Bagheria, intitolato a Carlo Alberto Dalla Chiesa ed Emanuela Setti Carraro, sarà utilizzato come hub vaccinale. È stato firmato stamani il verbale di consegna e sono già  in corso i rilievi e i lavori dei tecnici, anche con il supporto della Protezione civile, per rendere disponibile l’hub vaccinale entro i prossimi 15 giorni. La struttura al momento non è utilizzata per attività̀ sportive come previsto dai vari Dpcm in tema di emergenza Covid.

L’uso del palazzetto sarà al servizio del comprensorio del distretto 39 che include i comuni di Bagheria, Altavilla Milicia, Casteldaccia, Ficarazzi e Santa Flavia. “Come sindaco della città metropolitana – dice Leoluca Orlando – ho apprezzato, e subito accolto, la richiesta del sindaco di Bagheria, disponendo di mettere a disposizione della campagna vaccinale il palazzetto dello sport.

In tanti centri dell’Isola, a partire dalla Fiera del Mediterraneo a Palermo, i sindaci sono impegnati in azioni quotidiane di contrasto alla pandemia nella consapevolezza che accanto alla osservanza delle prescrizioni di prevenzione da parte di tutti occorre il massimo impegno per promuovere la indispensabile campagna di vaccinazione”.

A sottoscrivere l’accordo per la città metropolitana di Palermo, gli ingegneri Claudio Delfino, dirigente della direzione edilizia e beni culturali e Maurizio Magro Malosso, responsabile dell’ufficio edilizia scolastica, turistico-sport e attività produttive, e per il comune di Bagheria il sindaco Filippo Maria Tripoli, con il dirigente dei lavori pubblici Giancarlo Dimartino.

“Siamo soddisfatti che la città metropolitana di Palermo abbia accettato la richiesta del comune di Bagheria e ringraziamo il sindaco Orlando e i relativi uffici coinvolti per la grande collaborazione – dice il sindaco Filippo Maria Tripoli – sarà questo un importante centro utile per Bagheria e non solo. Adesso i prossimi passaggi sono l’adeguamento del palazzetto da parte della Protezione civile regionale cui seguirà l’utilizzo da parte di Asp di Palermo”.