Covid: in Sicilia 566 nuovi positivi, 14 morti, a Palermo contagi in aumento

0
14

Sono 566 i nuovi positivi al Covid-19 in Sicilia su 24.743 tamponi processati, con una incidenza di positivi di quasi il 2,2%, in risalita dopo la costante discesa degli ultimi giorni. La regione e’ nona nel contagio giornaliero di oggi. Le vittime sono state 14 nelle ultime 24 ore, tre in meno di ieri e portano il totale a 4.170. Il numero degli attuali positivi torna a risalire ed e’ di 25.729, con decremento di 452 casi rispetto a ieri. I guariti sono solo 1.004. Negli ospedali i ricoverati sono 849; 9 in meno rispetto a ieri quelli in terapia intensiva dove adesso sono 123 (meno 9 sul giorno precedente).

La distribuzione nelle province di contagiati Covid-19 vede Palermo con 293 casi, Catania 138 casi, Messina 27, Siracusa 28, Trapani 16, Ragusa 10, Caltanissetta 14, Agrigento 32, Enna 8.

Sono oltre 360mila le dosi inoculate in Sicilia dall’avvio della campagna di vaccinazione anti Covid. Solo ieri ne sono state somministrate poco meno di 13mila e anche oggi oltre 13mila.

Sono complessivamente 7.862 i vaccini somministrati in 6 giorni nel nuovo ‘hub’ provinciale della Fiera del Mediterraneo di Palermo. Nella struttura, inaugurata mercoledì scorso dal presidente della Regione, Nello Musumeci, lavorano – sette giorni su sette dalle ore 8 alle 20 – 150 persone tra sanitari, amministrativi, operatori della Protezione civile regionale e del volontariato. Delle 7.862 vaccinazioni effettuate, 7.496 riguardano prime dosi e 366 seconde, mentre le tipologie di siero sono suddivise tra: 4.123 di Astra Zeneca, 3.710 Pfizer-Biontech e 29 di Moderna. Intanto da questa mattina, così come aveva assicurato il commissario per l’emergenza Covid a Palermo, Renato Costa, è stato definitivamente risolto il problema dell’erogazione dell’energia elettrica. E’ stato realizzato un collegamento alla rete che consente di avere la continuità del servizio, senza più ricorrere a gruppi elettrogeni.

Dall’analisi realizzata dall’ufficio statistica del Comune di Palermo, al termine della settimana che va dal 22 al 28 febbraio, emergono alcuni segnali di risalita della pandemia in Sicilia: sono aumentati i nuovi positivi e i nuovi ingressi in terapia intensiva, anche se sono diminuiti gli attuali positivi, i ricoverati, le persone in isolamento domiciliare e i deceduti. A livello nazionale invece il numero dei nuovi positivi fa registrare un deciso incremento.  In Italia, complessivamente, nella scorsa settimana si sono registrati 116.019 nuovi positivi, il 32,8% in più rispetto agli 87.367 della settimana precedente; nello stesso periodo in Sicilia si sono registrati 3.568 nuovi positivi, con un incremento del 9,9% rispetto ai 3.246 della settimana precedente.

Dal 15 gennaio scorso i dati diffusi dalla Protezione Civile sul numero di tamponi effettuati comprendono anche i test antigenici rapidi: la settimana scorsa in Sicilia sono stati effettuati 3.434,8 tamponi ogni 100 mila abitanti. Il dato medio nazionale è pari a 3.442,5 tamponi ogni 100 mila abitanti. Escludendo i tamponi di controllo, in Sicilia sono stati testati 34.765 nuovi casi, il 2,6% in meno rispetto alla settimana precedente. Registrati anche 71,8 nuovi positivi ogni 100 mila abitanti. Il valore medio nazionale è pari a 192,8. Con riferimento ai nuovi casi testati, in Sicilia la percentuale di nuovi positivi è pari al 10,3%, mentre Il valore medio nazionale è pari al 17,1%. Il tasso di letalità (deceduti per 100 positivi) della Sicilia, calcolato con riferimento a tutti i deceduti dall’inizio dell’emergenza sanitaria, è pari a 2,7. La media nazionale è pari a 3,3. Gli attuali positivi (al netto cioè dei guariti e dei deceduti) in Sicilia sono pari a 522,9 ogni 100 mila abitanti, mentre la media nazionale è pari a 701,1.

Sul fronte dei ricoveri nell’Isola vi sono 14,6 ricoverati (non in terapia intensiva) ogni 100 mila abitanti. Il valore medio nazionale è pari a 30,9; vi sono 2,7 ricoverati in terapia intensiva ogni 100 mila abitanti.

La residenza sanitaria assistita di Piana degli Albanesi dell’Asp di Palermo è stata trasformata temporaneamente in Rsa dedicata all’assistenza di anziani non autosufficienti Covid positivi. Sono 40 i posti letto attivi già da ieri sera che possono essere estesi , in caso di necessità, a 60. L’accesso è riservato a persone non autosufficienti prioritariamente in dimissione da reparti ospedalieri Covid. Rimarranno ricoverati a Piana degli Albanesi fino a quando non risulteranno negativi al tampone molecolare. Nella struttura lavorano medici, infermieri, operatori socio-sanitari oltre ad uno psicologo ed un assistente sociale. Oltre ai 40 posti letto nella Rsa Covid di Piana degli Albanesi, l’Asp di Palermo può contare su altre due strutture a bassa intensità di cura: la Rsa “Omnia Services” di Borgetto con 30 posti letto ed il domicilio protetto di Castelbuono con 24 posti letto. Per i pazienti covid positivi autosufficienti, clinicamente guariti, che non possono fare rientro al proprio domicilio, rimane sempre disponibile il Covid Hotel San Paolo Palace di Palermo con 100 posti.