Covid: oltre 11mila vaccinazioni in Sicilia, a Palermo aumentano i contagiati

0
26

Dall’inizio della campagna vaccinale anticovid, sono oltre 11mila in Sicilia le persone che hanno ricevuto il vaccino. Domenica nell’Isola sono state complessivamente somministrate 4.691 dosi di farmaco su altrettanti cittadini rientranti nel target previsto dal piano nazionale.

Grazie alla no stop vaccinazioni avviata dall’azienda “Ospedali Riuniti Villa Sofia- Cervello” di Palermo, dallo scorso 31 dicembre a ieri, sono già, complessivamente, 810 gli operatori sanitari vaccinati, di cui 534 ieri, 252 oggi e 24 il 31 dicembre scorso”. “Un risultato conseguito grazie ad un lavoro di squadra che, oltre alla direzione generale e strategica, ha visto impegnati in prima linea tutti i direttori delle Unità Operative, ed insieme una risposta tempestiva degli Ospedali Riuniti Villa Sofia- Cervello all’attenzione richiamata dall’assessorato regionale alla Salute sull’importanza strategica del vaccino nella battaglia al Covid19, che in questi mesi ha impegnato senza sosta l’azienda palermitana ed in particolare il presidio Cervello, in atto Covid Hospital.

In una nota l’ufficio statistica del comune di Palermo evidenzia che “dai dati emerge un generale peggioramento dell’andamento della pandemia” in Sicilia. “Rispetto alla settimana precedente – si legge nella nota – sono aumentati i nuovi positivi, i ricoverati, i ricoverati in terapia intensiva, gli ingressi in terapia intensiva, i deceduti, mentre sono diminuiti i dimessi/guariti”.

Nel dettaglio, rileva l’ufficio statistica, “nella settimana appena conclusa i nuovi positivi in Sicilia sono 6.931, valore più alto del 36,2% rispetto alla settimana precedente, quando si era invece registrata una diminuzione del 19,8%”. “I tamponi positivi sono pari al 14,1% dei tamponi effettuati nella settimana (la settimana precedente erano il 10,5%). Con riferimento ai casi testati, la percentuale di positivi nella settimana è pari al 23,2%, in sensibile aumento rispetto al 17% della settimana precedente – prosegue la nota -. Il numero degli attuali positivi è pari a 35.591, 2.424 in più rispetto alla settimana precedente, mentre con riferimento a tutti i tamponi effettuati dall’inizio dei controlli, la percentuale di tamponi positivi sul totale dei tamponi effettuati è pari al 7,8% (la settimana precedente 7,5%)”. E ancora: “I ricoverati sono 1321, di cui 184 in terapia intensiva. Rispetto alla settimana precedente sono aumentati di 120 unità, dopo cinque settimane in cui il numero dei ricoverati era invece diminuito (+10 il numero di ricoverati in terapia intensiva). Nella settimana appena conclusa si sono registrati 90 nuovi ingressi in terapia intensiva (in aumento del 9,8% rispetto ai agli 82 della settimana precedente)”.

Il numero dei guariti (58.462) – si legge nell’analisi – è cresciuto di 4.311 unità rispetto alla settimana precedente . La percentuale dei guariti sul totale positivi è pari al 60,8% (domenica scorsa era pari al 60,4%)”. Mentre “il numero dei deceduti, pari a 2.494, è aumentato di 196 unità rispetto alla settimana precedente: il tasso di letalità (deceduti/totale positivi) è pari al 2,6% (come domenica scorsa). I ricoverati – conclude l’ufficio statistica – complessivamente rappresentano il 3,7% degli attuali positivi (i ricoverati in terapia intensiva lo 0,5%)”.