Da domani un mese di sciopero negli uffici postali siciliani

0
56
uffici postali

Inizia domani, e si concluderà il prossimo 10 luglio, lo sciopero dello straordinario che impegnerà i lavoratori degli uffici postali siciliani per decisione delle segreterie regionali di Cisl Slp, Failp, Confsal e Ugl. Un’astensione decisa per protestare contro una serie di condizioni che, secondo i sindacati, “ipotecano la qualità dei servizi, la situazione degli uffici e le prospettive dell’azienda, in un clima esasperato dalla mancanza di corrette relazioni industriali. Persino arrogante e persecutorio. Anche per le esasperate pressioni commerciali”.

I rappresentanti sindacali dei 10mila dipendenti siciliani dell’azienda sottolineano come “dopo sei anni, restano ancora appesi al filo della precarietà, i 900 lavoratori part-time dell’Isola”, parlano di “pesanti carenze di organico” e puntano il dito contro le “insufficienti condizioni di sicurezza e prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro”. Sul tappeto anche “il flop” della riorganizzazione del recapito e lo stop ai doppi turni nelle cinque province di Palermo, Agrigento, Catania, Messina e Siracusa. “Una chiusura di fatto che è danno per la clientela e rischio di perdita di posti di lavoro” dicono.