Dieci film apocalittici da vedere nell’era del Coronavirus

0
106
film apocalittici, coronavirus

Se nonostante il Coronavirus avete voglia di trascorrere qualche ora davanti ad una Tv e guardare film apocalittici con virus mortali come protagonisti, vi proponiamo una selezione dei prodotti più riusciti degli ultimi anni.

Il cinema horror o fantascientifico trasmette emozioni forti che, a volte, possono essere utili a superare o esorcizzare paure e fobie. In questo caso la nostra selezione può essere utile, quanto meno, a farvi trascorrere qualche minuto del vostro tempo richiamando alla memoria film che hanno fatto la storia del genere catastrofista. Ma se siete amanti del genere e sufficientemente forti, potrete cercarli sulle piattaforme televisive e gustarveli.

Contagion (2011) – La protagonista è l’attrice americana Gwyneth Paltrow che muore dopo i sintomi di una influenza contratta durante un viaggio ad Hong Kong.  Il virus letale si chiama MEV-1 che colpisce polmoni e sistema nervoso (quasi identico al Covid-19!). Il virus inizia a diffondersi rapidamente in tutto il pianeta mentre si cerca una cura. Presentato alla 68 Mostra del Cinema di Venezia, Contagion, di Steven Soderbergh, ha un cast stellare composto da Matt Damon, Marion Cotillard, Jude Law e Kate Winslet. Estremamente realistico sembra realizzato ai tempi del Coronavirus.

World War Z (2013) – Qui il virus trasforma gli esseri umani in zombie. La città di Filadelfia diventa l’epicentro di una epidemia che sconvolge il mondo. Ovviamente il morso dello zombie diffonde il contagio. Il protagonista è Gerry Lane (Brad Pitt), un ex investigatore delle Nazioni Unite che ha il compito, con il supporto di una sqadra di forze speciali, di trovare il “paziente zero” e fermare la pandemia. Diretto dal regista Marc Forster, il film ha visto tra gli interpreti l’attore italiano Pierfrancesco Favino.

The Road (2010) – La storia è post apocalittica. Più che per l’azione il film si fa notare per l’atmosfera e l’introspezione. Tratto dal romanzo di Cormac McCarthy, e diretto dal regista John Hillcoat il film sviluppa la sua trama raccontando le imprese di un padre, interpretato da  Viggo Mortensen e un figlio in viaggio per gli Stati Uniti alla ricerca di un posto più pacifico. Una strana epidemia ha dimezzato la popolazione mondiale. I pochi superstiti lottano per la sopravvivenza abbandonandosi al cannibalismo.

L’alba del pianeta delle scimmie (2011) – Il film si inserisce nella saga di fantascienza che tanta popolarità ebbe a cavallo tra gli anni sessanta e settanta. La storia parte dallo scimpanzé Cesare, diventato intelligentissimo grazie ad esperimenti di laboratorio che hanno creato un virus nato, inizialmente nato per curare i malati di Alzheimer, ma che potenzia i neuroni delle scimmie. Da qui la rivolta contro gli uomini che non ne verranno fuori granché bene.  Il virus, infatti,  ha una controindicazione: ottimo per le scimmie, letale per gli umani. La razza umana verrà contagiata e la Terra diventerà… il pianeta delle scimmie.

Io sono leggenda (2007) – Qui a fare strage di umani è una letale epidemia di morbillo. I pochi sopravvissuti alla pandemia sono diventati degli infetti che ricordano creature mostruose a metà strada tra gli zombie e i vampiri. Il protagonista è Robert Neville, interpretato da Will Smith, l’unico uomo rimasto tale, che in compagnia di un cane cerca un antidoto. Tratto dal romanzo di Richard Matheson, “Io sono leggenda” è diretto da Francis Lawrence, nel cast anche Salli Richardson, Alice Braga ed Emma Thompson.

Resident Evil (2002) – Questa volta è il virus T, creato in laboratorio che contagia l’aria del laboratorio di una multinazionale farmaceutica. Tutti gli scienziati muoiono ma il computer di sicurezza mette in quarantena l’area. L’intervento dell’esercito diventa fatale, perché disattivando i sistemi di sicurezza, libera il virus. La conseguenza sarà il diffondersi del contagio e la trasformazione di torme di umani in affamatissimi zombie. Tratto da un celebre videogioco, il film diretto da Paul W.S. Anderson è un action movie con una Milla Jovovich che interpreta una bellicosissime e sexy guerriera.

28 giorni dopo (2002) – Un virus simile alla rabbia iniettato a un gruppo di scimpanzé che dà inizio al contagio. Il protagonista Jim, interpretato da Cillian Murphy, si risveglia, appunto 28 giorni dopo, in una Londra post apocalisse e si ritrova ad essere uno dei pochi sopravvissuti. Tutte le altre persone contagiate dal virus attraverso il sangue o la saliva sono diventate zombie. Girato completamente in digitale, il film diretto da Danny Boyle si fa notare per l’estremo realismo delle scene.

L’esercito delle 12 scimmie (1995) –  Un classico della fantascienza con Bruce Willis, Brad Pitt e Madeleine Stowe. Bruce Willis è un detenuto che dal 2035 viene mandato indietro nel tempo per scoprire le cause di una catastrofe apocalittica che costringe i pochi superstiti dell’umanità a vivere nel sottosuolo. Un gruppo ecologista sembra esser stato la causa di tutti i mali negli anni Novanta, reo di aver liberato un virus per punire la razza umana. Indagini e colpi di scena si susseguiranno fino all’incredibile finale che non scioglie tutti gli interrogativi. Diretto da Terry Gilliam, nel cast oltre agli attori già citati, anche  David Morse e Christopher Plummer.

Light of my life (2019) – Storia meno spettacolare e adrenalinica di altri film di genere, ma meritevole di attenzione. A causa del diffondersi di un virus nel pianeta le donne si sono quasi tutte estinte. Un padre decide di proteggere ad ogni costo la sua bambina in un mondo devastato dove gli uomini sopravvissuti mostrano la parte peggiore dei loro istinti. Cast notevole con il premio Oscar Casey Affleck, Elisabeth Moss e l’attrice Anna Anna Pniowsky.

Virus letale (1995) – Abbiamo lasciato per ultimo un cult-movie interpretato da un cast d’eccezione.  Dustin Hoffman, Rene Russo, Kevin Spacey, Donald Sutherland e Morgan Freeman sono i protagonisti di una storia nella quale alcuni ricercatori medici tentano di scoprire e neutralizzare un virus letale sviluppatosi anni prima in Zaire e trasmesso attraverso le scimmie. Ma le autorità militari ostacoleranno la ricerca. Cosa nascondono, forse un’arma batteriologica sfuggita al loro controllo?