Dieta mediterranea un patrimonio da salvaguardare, Conferenza mondiale a Palermo

0
57
dieta mediterranea

La Dieta mediterranea è un patrimonio da salvaguardare e, allo stesso tempo, uno stile di vita. Si è parlato di strategie da attuare e già messe in campo, a Palermo, al convegno di presentazione della Conferenza Mondiale sulla Rivitalizzazione della Dieta Mediterranea che si terrà dal 15 al 17 maggio nel capoluogo siciliano. Una tre giorni che vedrà Palermo protagonista di un importante evento, con circa cento esperti e personalità provenienti da tutto il mondo.

“Per dieta mediterranea non si intende solo l’alimento ma anche lo stile di vita – ha sottolineato il presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo Toti Amato, durante la presentazione dell’evento -. Lo stile di vita che va abbinato agli alimenti. I nostri alimenti contengono delle sostanze che sono anti età, antiossidanti. Uno dei problemi che sta alla base della nostra dieta – ha proseguito – è che i nostri alimenti devono essere certificati. Bisogna verificare che siano sani, che non sino inquinati e prodotti in zone sane. Compito del medico, quello di conoscere le proprietà dei nostri alimenti, per potere consigliere e prescriverli anche ai propri assistiti”.

Al centro di tutto, dunque, il Mediterraneo. Un’area nella quale crescono sempre di più le sfide in tema di sostenibilità ecologica ed economica. Ma anche sociale e culturale. Si tratta di una delle regioni più ricche di biodiversità al mondo e che sta attraversando una “transizione nutrizionale”.

Ad essere coinvolti sono un po’ tutti i Paesi del Mediterraneo. Diversi i problemi tra cui la sottoalimentazione e le carenze di micronutrienti che coesistono insieme a problemi come quello di eccesso di nutrizione e malattie legate all’alimentazione. “E’ importantissimo diffondere il concetto della dieta mediterranea – ha aggiunto Pino Disclafani, presidente della Commissione Dieta mediterranea – perché le linee guida europee sulla alimentazione hanno individuato sulla dieta mediterranea la migliore arma di prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili come il diabete, l’ipertensione arteriosa e l’obesità”.

Ad intervenire poi, nel corso della presentazione dell’evento, a palazzo del Normanni, l’assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo che ha puntualizzato come la Regione sia impegnata nel promuovere diverse iniziative che mirino sul turismo enogastronomico. “Ben venga questo importante convegno sulla dieta mediterranea – ha detto l’assessore – perché la dieta mediterranea va salvaguardata. Come governo della regione vogliamo emanare delle direttive a livello scolastico per far impegnare le nostre pubbliche amministrazioni affinché nelle mense venga servita una dieta mediterranea”, ha concluso.