Domani al Barbera arriva la Roma. Iachini: “Dobbiamo essere imprevedibili”

0
14

Dopo il blitz del presidente Zamparini che in settimana ha fatto chiarezza sulla situazione del Palermo annunciando il ritiro – definito come un “momento per stare tutti insieme” – dei rosanero prima della gara contro il Bologna, oggi in sala stampa ha parlato il tecnico rosanero Iachini in vista della complicata gara di domani contro la Roma, reduce da una pessima sconfitta in Champions e quindi ancora più affamata di punti in campionato.

“Non ho avvertito mai particolari tensioni in questo avvio di campionato – ha precisato l’allenatore marchigiano – con il Presidente abbiamo sempre condiviso quanto fatto sia in passato che adesso, siamo in accordo sul da farsi per risollevarci da questo momento. Dobbiamo portare avanti il discorso “squadra”, alla sosta abbiamo avuto qualche piccolo problema con gli infortuni, qualcuno ha affrontato lunghi viaggi per raggiungere la propria nazionale e quindi non abbiamo potuto dare una continuità al lavoro fatto in ritiro. Dobbiamo lavorare settimana dopo settimana per migliorarci”.

Sui giallorossi, invece, l’allenatore del Palermo ha detto: “La Roma non è un avversario facile, è una squadra che non fornisce all’avversario punti di riferimento, crea superiorità numerica in mezzo al campo ed ha tantissima qualità. Gli uomini di Garcia sono arrivati secondi negli ultimi due anni dietro ad una Juventus da record dunque meritano grande rispetto. Inoltre si sono rinforzati con giocatori di grande valore che con una giocata possono cambiare la partita  come Salah e Iago Falque”.

“Per impensierire i giallorossi dovremo essere bravi a muoverci – prosegue Iachini – dobbiamo alzare l’asticella della qualità del gioco per cercare di fare i movimenti in fase offensiva che preparo durante la settimana utili a sorprendere gli avversari. Ho visto la gara di mercoledì dei capitolini contro il Bate Borisov, nel secondo tempo ho visto la reazione di una squadra forte. Sul piano dell’impegno e della partecipazione dobbiamo ripetere le giocate con un pizzico di attenzione in più, su qualche sbavatura nella fase difensiva dove a volte ti salvi, in questo momento veniamo puniti quindi dobbiamo forzatamente essere più attenti”.

Dall’altra parte Garcia non ha dubbi “Dobbiamo andare a Palermo per vincere” mentre l’ex Balzaretti ammonisce “occhio all’imprevedibilità di Vazquez”. I giallorossi dovrebbero scendere in campo al Barbera con Szczesny in porta, difesa a quattro con Torosidis, Manolas, De Rossi e Digne, a centrocampo diga formata da Pjanic, Naiggolan e Vainqueur con il tridente offensivo Florenzi, Salah, Gervinho.

Per i rosanero prevista una nuova, inedita, formazione con Sorrentino fra i pali, Struna, Gonzalez ed El Kaoutari davanti all’estremo difensore del Palermo; centrocampo con Jajalo in cabina di regia assistito da Rigoni ed Hiljemark; in avanti Vazquez proverà a lanciare Quaison ed il terminale offensivo Gilardino, in ballottaggio con Trajkovski.