Donna Franca Florio: il suo ritratto sarà venduto all’asta il 30 aprile, c’è un’offerta

0
88
donna franca florio

Donna Franca Florio: presentata un’offerta per il ritratto che il 30 aprile sarà venduto all’asta. Il ritratto di donna Franca Florio, icona della Belle Epoque, è stato realizzato da Giovanni Boldini attraverso tre versioni: una sovrapposta all’altra.

L’ultima è quella che sarà messa all’asta per 750 mila euro il 30 aprile. La casa Bonino ha fatto sapere che è stata presentata un’offerta e quindi l’opera sarà certamente aggiudicata. L’asta precedente, che partiva da un milione di euro, era andata invece deserta. Con la vendita della tela si chiude anche una disputa storico-artistica. Del celebre dipinto si conoscono infatti tre versioni.

La prima è del 1901 ma, raccontano le cronache, non piacque a don Ignazio Florio perché raffigurava la moglie in una posa sconveniente. Dopo una disputa che non mancò di interessare anche il pagamento dell’artista, Boldini accettò di apportare alcune modifiche. Le parti scoperte della nobildonna furono ridotte e le caviglie furono coperte con un lungo vestito traforato. Questa seconda versione è quella esposta anche alla Biennale di Venezia nel 1903. Ma poi è spuntata una terza versione, data 1928, quella che ora è messa all’asta dopo il fallimento della società Acqua marcia di Francesco Caltagirone, proprietaria dell’opera.

L’esistenza di quest’ultima versione ha alimentato un giallo sul numero delle opere esistenti e sugli interventi effettuati. Uno studio è stato avviato da Elio Caramazza, autore di gialli storici di successo. Ai suoi dubbi risponde ora la casa d’aste Bonino che, in base a un’indagine sulla struttura del dipinto, ha ricostruito i vari passaggi degli interventi di Boldini. La tecnica di indagine seguita da Maria Letizia Paoletti ha svelato che la versione del 1903 si sovrappone a quella di due anni prima ma è intermedia rispetto all’opera che il 30 aprile sarà venduta all’asta. (ANSA).