Dopo la visita di Xi Jinping, Geraci: “Ora lavoriamo per le imprese siciliane”

0
166

Il giorno dopo la visita del presidente della Repubblica popolare cinese nella sua città, nella sua Palermo dove si è laureato più di 25 anni fa e dove ancora ha diversi amici, seduto in un bar del centro di Palermo, è raggiante il professore Michele Geraci, il professore di economia e finanza, che fino a pochi mesi fa ha insegnato in Cina economia e finanza, tra gli italiani più conosciuti in Oriente.

Portare il capo di una potenza mondiale nella propria città, con l’obiettivo di provare a risollevare l’economia dell’Isola al collasso, è certamente un obiettivo per Geraci, andato via dalla sua Palermo, non appena laureato. Ma adesso comincia il lavoro che è quello di fare in modo che il mondo dell’impresa, del commercio, dell’artigianato siciliano possa affacciarsi alla Cina.

“Siamo molto soddisfatti della storica visita a Palermo del presidente Xi Jinping e per dare concretezza e continuità stiamo immediatamente programmando un evento a Palermo, che coinvolga tutte le categorie produttive”. Lo dice Michele Geraci, sottosegretario al Mise, con delega al Commercio estero e alla internazionalizzazione, all’indomani della presenza nel capoluogo siciliani del presidente della Repubblica popolare cinese che ieri ha visitato Palazzo dei Normanni e la Cappella Palatina.

“L’idea – spiega Michele Geraci, che ringrazia il presidente dell’Assemblea regionale siciliana Gianfranco Miccichè per l’ospitalità – è quella di venire a Palermo, anche con altri componenti della compagine di governo, per un incontro aperto a tutti i rappresentanti delle organizzazioni di categoria e le aziende, che si occupano di industria, turismo, commercio, moda, agricoltura per iniziare un dialogo concreto ed esplorare le varie opportunità di business che possono avere in Cina grandi, medie e piccole aziende e le potenzialità a esportare verso il mercato cinese. Proprio stamattina, ho incontrato il presidente di Sicindustria Alessandro Albanese per un primo contatto affinché già nelle prossime settimane, speriamo i primi giorni di maggio, si possa realizzare questo evento per rendere produttiva, per la Sicilia, la visita a Palermo e a Roma del presidente Xi Jinping”.