Editoria e informazione: Gentiloni il 15 a Messina per l’unione tra Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud

0
27
Gentiloni

Una “importante operazione editoriale per il Meridione”. Una “felice mossa imprenditoriale” della Società Editrice Sud che, con Gazzetta del Sud e ora anche con il Giornale di Sicilia, due testate storiche siciliane, si vuol proporre come punto di riferimento su territori strategici per il Paese, Sicilia e Calabria, “e regalare un nuovo futuro alle dinamiche comunicative – e ai loro protagonisti – in un Sud che ha un disperato bisogno di credere in se stesso”.

Viene definita così l’operazione editoriale che sarà al centro dell’iniziativa pubblica alla quale giovedì 15, a Messina, vedrà protagoniste le due testate e il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. “Con le radici nella storia, scriviamo il futuro”: il giornalismo di ieri e quello di domani al centro del convegno organizzato dalla Ses Gazzetta del Sud e dal suo presidente, Giovanni Morgante, con inizio alle 16.15 al teatro Vittorio Emanuele di Messina, per presentare la nuova realtà editoriale.

L’evento, moderato dalla giornalista Rai Annalisa Bruchi, si articolerà in due momenti: in apertura un talk di approfondimento su “Il ritorno degli editori” e sulla rinnovata attenzione all’informazione di qualità, con l’intervento del presidente della Fieg Maurizio Costa, della presidente della Rai Monica Maggioni e dell’amministratore delegato della Ses e direttore editoriale di Gazzetta del Sud, Lino Morgante.

Il secondo focus sarà invece sul delicato ruolo dei media nella formazione della “reputation” sociale e nello sviluppo del Mezzogiorno: si confronteranno il presidente di Banca Imi Gaetano Miccichè, il direttore responsabile di Gazzetta del Sud Alessandro Notarstefano e il vicedirettore del Giornale di Sicilia Marco Romano. A conclusione dei lavori, l’intervento del presidente del Consiglio dei ministri Paolo Gentiloni.

A ottobre Antonio Ardizzone ha ceduto alla Società Editrice Sud Spa la propria quota di controllo del Giornale di Sicilia Editoriale Poligrafica Spa, nell’ottica di un piano di consolidamento economico-finanziario e di rilancio dell’attività di tutti i suoi mezzi e canali di informazione. Il quotidiano palermitano, fondato nel 1860 da Girolamo Ardizzone, ha deciso di unire la propria tradizione “e la propria ultrasecolare storia di giornale di riferimento dei siciliani con una realtà importante come la Gazzetta del Sud, oggi leader dell’informazione in Calabria”.

Insieme, sotto la guida della Ses, le due testate – con i rispettivi siti web, le emittenti televisive Tgs e Rtp e radiofoniche Rgs e Antenna dello Stretto – costituiranno un polo multimediale “capace di garantire informazione completa per buona parte del Mezzogiorno”.