Elezioni Palermo: si rompe il centrodestra, Fratelli d’Italia sosterrà Lagalla

0
44

Fratelli d’Italia a Palermo converge sul candidato sindaco Roberto Lagalla, con Carolina Varchi che fa un passo di lato ed il centrodestra che di fatto, in vista delle prossime elezioni amministrative del 12 giugno (ballottaggi domenica 26 giugno), si spacca. Mentre Roberto Lagalla, già sostenuto dal suo partito, l’Udc di Lorenzo Cesa, e Italia Viva di Faraone, incassa l’appoggio del partito di Giorgia Meloni, Francesco Cascio potrà contare sull’asse Forza Italia, Lega-Prima l’Italia, Noi con l’Italia e Coraggio Italia. Ed oggi arriva il sostegno a Cascio anche dell’Mpa con Roberto Di Mauro, nonostante l’autonomista Totò Lentini abbia dichiarato di restare in corsa.

Andiamo con ordine perché la prima nota che arriva sulle agenzie è quella di Ignazio La Russa, vice presidente del Senato, e fondatore di Fratelli d’Italia. “Purtroppo il vertice a cui a parole tutti erano disponibili anche oggi non ci sarà e da domani, come era ampiamente noto, la ovvia priorità per Giorgia Meloni e per tutta FdI è l’assemblea programmatica nazionale che si terrà a Milano dal 29 aprile al primo maggio. Ci sarà poi tempo per fissare un incontro tra i vertici del centrodestra sui tanti temi all’ordine del giorno”.

Poi arriva la nota di Carolina Varchi che annuncia il suor ritiro dalla corsa a Palazzo delle Aquile. “Prendo atto delle perduranti divisioni interne al centrodestra che aumentano il rischio di ritrovare di nuovo la sinistra ad amministrare la città. Per tale ragione, ringraziando Giorgia Meloni, il partito e i cittadini tutti che hanno manifestato apprezzamento e fiducia nella mia candidatura, ritengo opportuno eliminare ostacoli che allontanano dal traguardo di una vittoria del centrodestra a Palermo e rimettere la disponibilità nelle mani del partito, certa che sarà l’occasione per trovare convergenze più ampie alle quali stiamo giù lavorando”.

Il sigillo con la ceralacca arriva da Giampiero Cannella, coordinatore regionale per la Sicilia occidentale di Fratelli d’Italia, asse di collegamento tra Palermo e Roma nelle file dei meloniani: “Ringrazio anche a nome dei vertici del partito Carolina Varchi per l’ottimo lavoro svolto sul territorio, in queste settimane, e per la sua decisione presa con grande generosità e senso di responsabilità per evitare una frammentazione del centrodestra che con tre candidati avrebbe favorito la sinistra. E’ fra l’altro sfumata la possibilità di un vertice nazionale richiesto ripetutamente da noi. A nome di Fratelli d’Italia pertanto invitiamo tutti i partiti e le liste di centrodestra alternative alla sinistra a convergere sul nome del professore Roberto Lagalla, con il quale oltre ad un rapporto di grande stima, abbiamo già stabilito una totale convergenza sui temi del centrodestra. Sul nome di Roberto Lagalla è possibile realizzare una grande unità, la stessa che deve confermare Nello Musumeci a presidente della Regione Siciliana”.

Infine, il naturale ringraziamento di Roberto Lagalla, che incassando l’ok di Fratelli d’Italia rende molto più fluida la sua corsa a Palazzo delle Aquile. “Apprezzo il senso di responsabilità di Carolina Varchi e ringrazio Fratelli d’Italia per l’importante supporto che ci viene offerto in un quadro di ricomposizione che, auspico, possa riguardare tutte le forze della coalizione per la tornata elettorale delle prossime Amministrative del 12 giugno. Si rafforza così l’impegno politico coerentemente mantenuto all’interno del naturale perimetro del centrodestra. Faccio appello a tutte le forze della coalizione, affinché si trovi una definitiva unità, in grado di assicurare il miglior governo alla Città di Palermo”.