Elezioni Sicilia: sondaggio Kleix, Cancelleri supera Musumeci, ma è testa a testa

0
89

“In Sicilia fino al 5 novembre sarà una corsa all’ultimo voto. Sto girando la Sicilia ormai da anni, ma in questi giorni da quando è iniziato il nostro #SceglieteIlFuturo Tour sento un’aria diversa. Le piazze che ci hanno accolto mi hanno sorpreso. Sono arrivate tantissime persone fin dalla prima e cittadini con cui ho parlato mi hanno detto che ora credono in noi, che questa volta è il momento per cambiare. O ora o mai più. Ce la possiamo fare e loro lo sanno. Anche i sondaggi non riescono più a nascondere quello che sta succedendo. Oggi ne è uscito uno che ci dà in testa, per la prima volta”. Lo dice il candidato presidente della Regione siciliana per il M5S Giancarlo Cancelleri.

Il suo riferimento è alla rilevazione di Kleix per Marketing in Politica che lo quota al 33,2%, pochissimo sopra Nello Musumeci del centrodestra, 33%: una inezia, ma è la prima volta che si verifica il sorpasso. Cresce Fabrizio Micari del centrosinistra, al 24,2%; Claudio Fava, in corsa per la sinistra, è al 7,6%.

“Io non credo ai sondaggi – prosegue Cancelleri – ma credo alle piazze che vedo e credo alle persone che incontro. I siciliani hanno capito il gioco di Musumeci, che è solo una foglia di fico dietro cui si nascondono impresentabili arrestati e condannati e tutti quei politici che hanno già governato e davastato la Sicilia: Miccichè, Cuffaro, Genovese, Lombardo and Co. Dobbiamo impegnarci tutti. La lotta è ardua e impari”.

Incalza il deputato uscente: “Abbiamo contro una schiera di impresentabili che sono stati imbarcati nelle liste di centro destra e centro sinistra solo perché sono i classici portatori di voti”. Dopo il no del Governo agli osservatori Osce richiesti dai Cinquestelle per monitorare il voto siciliano, per Cancelleri, come scrive su Facebook, non resta che “reagire e l’arma che abbiamo è il voto libero e pulito. Ognuno di voi avrà parenti, amici o conoscenti in Sicilia. Chiamateli, scrivetegli, incontrateli! Raccontate loro quanto è importante il voto del 5 per liberare la Sicilia e proiettarla finalmente nel futuro. Questa elezione potrebbe essere decisa per una manciata di voti e non possiamo permetterci il lusso di non fare tutto quanto è nelle nostre disponibilità, perché poi lo rimpiangeremo per sempre”.

“Non facciamo alleanze con i partiti né prima né dopo elezioni. Abbiamo sempre detto che qualora dovessimo vincere le elezioni regionali ci rivolgeremo al Parlamento tracciando una linea di punti programmatici e di interventi. Chi vorrà starci potrà aderire, ma non c’è nessuna possibilità di una strutturazione di un’alleanza perché non ci interessa”. Così il candidato governatore siciliano del M5s, Giancarlo Cancelleri, risponde ai cronisti sull’ipotesi di un’asse con Claudio Fava all’Assemblea regionale siciliana sulla base di una convergenza di alcuni punti dei rispettivi programmi elettorali. (AGI/AdnKronos)