Elicottero in mare, muore lo specialista della Marina Andrea Fazio

0
154
andrea fazio

Un’esercitazione con i visori notturni, l’appontaggio sulla nave fallito e l’impatto col mare: i due piloti e i due fucilieri imbarcati sull’elicottero della Marina militare sono riusciti a salvarsi, ma per lo specialista Andrea Fazio non c’è stato niente da fare.

L’incidente – sulle cui cause sono in corso tre diverse inchieste – è avvenuto la scorsa notte, nel Mediterraneo centrale. Unanime il cordoglio per la morte del sottufficiale, definito da tutti un militare di grande esperienza. L’elicottero SH 212 è finito in mare a breve distanza dalla nave su cui era imbarcato, il “Comandante Borsini”, una delle unità che pattugliano il Mediterraneo nell’ambito della missione Mare sicuro.

L’incidente, ricostruisce in una nota la Forza armata, è avvenuto in fase di appontaggio al termine di una missione addestrativa programmata, in assetto cosiddetto ‘Nvg’ (Night vision googles), cioé con l’ausilio dei visori notturni, alla quale partecipavano anche due tiratori scelti della Brigata di Marina San Marco.

Appena ammarato l’elicottero si è rovesciato su un fianco: i due piloti e i due fucilieri di Marina sono riusciti ad uscire mentre il capo di prima classe Andrea Fazio è stato recuperato, ancora dentro l’abitacolo, dai subacquei di nave Borsini subito intervenuti. Portato a bordo della nave in stato di incoscienza, è morto poco dopo: inutili i tentativi dei medici di rianimarlo.

I due piloti e i due fucilieri sono invece in buone condizioni, ma sotto shock. L’elicottero è stato assicurato con dei galleggianti, ma all’alba, anche a causa delle cattive condizioni meteo, si è inabissato. Sul posto sono giunte in assistenza altre navi della Marina, mentre il “Comandante Borsini” ha fatto rotta su Augusta.

Se la dinamica dell’incidente appare chiara, tutte da definire sono invece le cause, su cui sono in corso le indagini. Come sempre, in casi simili, due le ipotesi sul tappeto: il guasto tecnico o l’errore umano. “C’è in corso l’inchiesta della Marina, quella della magistratura (la procura di Roma indaga per omicidio colposo – ndr), quella della sicurezza del volo che ci faranno capire che cosa è successo veramente”, dice il comandante in capo della Squadra navale, Donato Marzano. Di certo, l’equipaggio era composto da militari addestrati, a cominciare proprio dalla vittima: il capo di prima classe Fazio viene definito dalla Forza armata “un brillante, esperto e apprezzato operatore di volo”, in servizio al 2/o Gruppo elicotteri di Catania, “con una solida preparazione professionale e un vasta esperienza sugli elicotteri della Marina militare”.

Il premier Paolo Gentiloni ha telefonato al ministro della Difesa per esprimere il suo cordoglio per la morte del sottufficiale, alla cui famiglia si è rivolta la stessa Roberta Pinotti per esprimere il suo “sentimento di vicinanza e quello di tutto il personale della Difesa”.

Il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, ha espresso profondo dolore per la morte di  Andrea Fazio. “Alla famiglia del sottufficiale – ha affermato il governatore – va il mio più sentito cordoglio, al quale unisco la vicinanza della comunità siciliana. Ai quattro feriti l’augurio di pronta guarigione e di un rapido ritorno al lavoro”