Enna, Guardia di Finanza scopre truffa da 3mln all’Unione Europea: 35 persone coinvolte

0
100
furbetti del cartellino a siracusa

Nell’ambito della tutela della spesa pubblica nazionale e comunitaria, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Enna ha disposto la verifica del corretto impiego dei finanziamenti riconducibili al Programma di Sviluppo Rurale, di grande rilevanza nel nostro territorio.

In questo contesto, la Tenenza della Guardia di Finanza di Nicosia, con l’operazione denominata ”Ruris”, ha scoperto “una considerevole truffa al bilancio dell’Unione europea, pari a circa 3 milioni di Euro, che vede coinvolti trentacinque persone per reati di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, autoriciclaggio, dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture false ed emissione di fatture false”.

I finanziamenti, “indebitamente percepiti da associazioni agricole e soggetti economici delegati all’esecuzione dei lavori di cui al P.S.R. Sicilia 2007/2013, erano destinati al rifacimento di strade interpoderali nel territorio di Nicosia e alla realizzazione di nuove infrastrutture viarie volte a migliorare la viabilità locale”, dicono le Fiamme gialle. L’articolato meccanismo fraudolento era sostanzialmente basato su false fatturazioni. Le imprese appaltanti, infatti, in accordo con i responsabili delle associazioni beneficiarie dei contributi e con la connivenza dei direttori dei lavori, emettevano fatture false per lavori mai eseguiti e materiale mai fornito; scopo del disegno criminoso, contenere i costi risparmiando sulla materia prima necessaria per realizzare le opere.