Entro l’estate in provincia di Trapani il nuovo comune di Misiliscemi

0
61

Trapani perde 8 frazioni e in Sicilia arriva un nuovo Comune, il 391/mo: si chiamerà Misiliscemi, manca solo l’ok dell’Assemblea regionale siciliana, che dovrebbe arrivare entro l’estate.

Dopo avere preso atto di tutti gli adempimenti compiuti per legge, il governo Musumeci, nei giorni scorsi, ha approvato la delibera di istituzione del nuovo ente locale, che nasce dallo scorporo di otto frazioni dal comune di Trapani, uno dei nove capoluoghi di provincia dell’isola, che perderà abitanti e alcune importanti strutture. Manca solo l’ok dell’Assemblea siciliana, che potrebbe arrivare prima dell’estate, poi Misiliscemi sarà realtà.

Nel territorio di Misiliscemi rientrano le frazioni di Fontanasalsa, Guarrato, Rilievo, Locogrande, Marausa, Palma, Salinagrande, Pietretagliate. Misiliscemi avrà 8.669 abitanti, circa il 12,5% degli attuali abitanti di Trapani (67.531), ma nel periodo estivo la popolazione arriverà a 25mila persone per via della presenza del lido Marausa. Nel territorio del nuovo Comune ricadono inoltre strutture importanti, al momento sotto il controllo di Trapani: l’aeroporto di Birgi, l’ospedale, l’Università, lo stadio di calcio e il penitenziario.

Nella fase iniziale il comune sarà retto da un commissario straordinario che rimarrà in carica fino all’elezione di sindaco e Consiglio comunale. La sede legale provvisoria, nelle more dell’approvazione dello statuto, sarà nel comune di Trapani. Il personale del comune di Trapani, residente nelle frazioni scorporate, passerà alle dipendenze del nuovo ente locale.

A Misiliscemi sono circa 3mila le abitazioni a residenza principale, quelle stagionali 3.300. Nel territorio di Misiliscemi ricadono strutture importanti al momento sotto il controllo di Trapani: l’aeroporto di Birgi, l’ospedale, l’Università, lo stadio di calcio, il penitenziario. Alle battute finali la “battaglia” che l’associazione promotrice di Misiliscemi cominciò dieci anni fa. (ANSA)